Eredità della musica. David J.Bach e i concerti dei lavoratori viennesi 1905-1934
2007
La nuova diagonale n. 68
232 pagine
EAN 9788838922442
16,00 euro

Lista dei desideri

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:
Piero Violante
Piero Violante

Piero Violante

Eredità della musica. David J.Bach e i concerti dei lavoratori viennesi 1905-1934

Il racconto appassionato di un’utopia, quella di  David Josef Bach e della sua politica musicale: fare della classe operaia l’erede attivo della cultura e della musica «borghese» e protagonista della modernità.
«Richard Strauss ha una volta osservato che dirigendo il primo tempo della Terza  di Mahler finiva con l'immaginare "interminabili schiere di lavoratori in marcia verso il Prater per celebrarvi il Primo Maggio"». È un'idea largamente condivisa che la Grande Vienna sia stata uno dei cruciali laboratori del Novecento. Questo studio, ambizioso, completo e complesso, della Vienna tra fine Ottocento e avvento nazista, che mette assieme la storia, la storia della musica e la musicologia, la storia della cultura e quella sociale, lo riafferma. Ma lo riconsidera, guardandolo dalla prospettiva di un'esperienza particolare. Si tratta del grandioso tentativo, da parte della socialdemocrazia e dei teorici dell'austromarxismo di fare del proletariato l'erede della tradizione musicale viennese e, attraverso questo, erede della cultura classica tedesca. Un’utopia intellettuale germinante intorno all’organizzazione dei cosiddetti «Concerti sinfonici dei lavoratori viennesi», voluta da David J. Bach – ebreo viennese, allievo di Mach, musicista di formazione, amico di Schoenberg, sostenitore di Anton Webern, responsabile culturale del partito socialdemocratico, figura ancora poco esplorata della Grande Vienna – e il cui obiettivo era quello «di creare con e per il proletariato una tradizione del moderno che avesse Mahler come perno e Webern come suo interprete». Insomma di fare della classe operaia l’erede attivo della cultura e della musica «borghese» e protagonista della modernità. Secondo Piero Violante quest’esperimento ha subito una censura e una cesura. La cesura è consistita nel fatto che la sua violenta interruzione ha creato una coupure nella storia dell’interpretazione e della ricerca del canone musicale a datare dall’avvento dell’austrofascismo. Da quel momento i «concerti sinfonici dei lavoratori viennesi» sono stati rimossi. Una censura operata – poi – dall’agire di due fattori diversi ma in effetti convergenti. Da un lato «la melassa della nostalgia del mondo di ieri e del mito asburgico». Dall’altro l’egemonia del comunismo staliniano che ha derubricato a «imborghesimento dei lavoratori», insieme al progetto socioculturale in cui si inscriveva, quell’intera storia. Una storia che questa ricchissima ricerca restituisce e ricompone raccontando la Vienna di quei giorni, nelle vicende di intellettuali dalla tipologia irripetibile, nell’evolversi di organizzazioni di masse umane, nell’interconnettersi di idee.

Piero Violante (Bagheria, 1945) insegna Storia delle dottrine politiche e Sociologia della musica presso l’Università di Palermo. È critico musicale de «la Repubblica» (Palermo). Con questa casa editrice ha pubblicato Eredità della musica. David J. Bach e i concerti dei lavoratori viennesi 1905-1934 (2007), I papillons di Brahms (2009) e Swinging Palermo (2015).

Suggerisci il libro ad un amico
Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.
Inviaci la tua recensione
Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.
Massimo 1800 caratteri

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.

Scrivi all'autore
Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere. Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.