1978
La civiltà perfezionata n. 19
XXX- 146 pagine
EAN 9788838900082
Non disponibile
9,30 euro

Lista dei desideri

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:
Principessa Bibesco
Principessa Bibesco
Principessa Bibesco

Commenti dei lettori

22/12/2008 - 00:46

Al ballo con Marcel Proust

di Giuliano Brenna
Il titolo di questo libro appare, dopo la lettura delle prime pagine, incompleto, sarebbe stato più corretto titolare ?Al ballo con(tro) Marcel Proust?; infatti durante il ballo che dà il titolo all?opera, e che fu praticamente l?unica volta in cui la Principessa Bibesco incontrò il giovane Proust, la nobildonna fece di tutto per non fermarsi a parlare con questo strano personaggio che, ad un ballo, non ballava, e se ne stava in un salone riscaldato con il cappotto addosso. Il motivo di questa ritrosia viene, durante la narrazione, imputata al fatto che la principessa temeva di entrare in un mondo da cui sarebbe rimasta incantata, e dal fatto che essendo anche la principessa scrittrice, ma in incognito, in quanto a quei tempi era disdicevole che una bella fanciulla dal sangue blu avesse anche un cervello, non voleva dare adito a pettegolezzi o maldicenze sulla sua attività letteraria. Tuttavia Proust aveva scorto il legame che li avrebbe uniti per sempre, legame tenuto vivo e rafforzato attraverso una fitta corrispondenza. Nel volume la principessa traccia una breve storia dei suoi rapporti con Proust sia attraverso le lettere a lei destinate ma soprattutto ai di lei cugini, i fratelli Antoine ed Emmanuel Bibesco i quali, con Bertrand de Fénelon, erano i migliori amici di Proust. Il libro raccoglie varie missive scambiate tra i quattro amici (sebbene talvolta la principessa scambi lettere destinate ad Emmanuel con quelle del fratello e viceversa). Come è noto tra Antoine e Marcel l?amicizia era ben più profonda e si spinse ai limiti del sentimento più importante, ma soprattutto viene sottolineato il legame quasi morboso tra lo scrittore e i suoi tre amici, Proust, spesso costretto a letto, aveva ?bisogno? del contatto con gli altri tre. Dalle descrizioni della principessa la cosa che maggiormente risalta è che Proust nel suo periodo ?mondano?, ovvero prima di intraprendere la stesura della sua Opera, era apparentemente uno che si divertiva ad oziare e frequentare salotti, ma in realtà stava ?registrando? ogni minimo particolare che avrebbe poi usato nello scrivere la Recherche; nella mente dello scrittore le varie persone che incontrava cominciavano a diventare i Guermantes, Saint Loup, i Verdurin e gli altri personaggi del suo lungo racconto. A molti, compresa la principessa, poteva apparire quantomeno singolare il comportamento e la curiosità, lo sguardo troppo penetrante di questo freddoloso giovanotto, a volte impertinenti le domande, ma tutto avrebbe avuto la sua risposta dopo la pubblicazione dei primi volumi della Recherche: molti dei fatti vissuti dal Proust mondano erano diventati materiale da costruzione per il Proust architetto di quella maestosa cattedrale che è la sua opera. Nessuno ancora aveva capito il valore di questo fatuo giovanotto dall?immancabile camelia all?occhiello (la camelia non ha profumo e quindi non creava problemi con l?asma), solo i tre grandi amici intuirono la grandezza di Proust da subito e, sebbene inizialmente ignari dello scopo finale, cercarono sempre di aiutarlo nel raccogliere il ?materiale? per la Recherche, sia raccontandogli gli eventi a cui Marcel non poteva partecipare sia accompagnandolo a visitare le grandi cattedrali gotiche, grande amore e fonte di ispirazione per lo scrittore. La principessa col passare degli anni capiva che aveva evitato di parlare con un personaggio assolutamente straordinario, e ne ebbe la certezza il giorno in cui ricevette da Proust una lettera in cui egli, col pretesto di elogiarla per un suo libro, le apriva il cuore parlandogli di sé, con quel meccanismo, misterioso ed unico, di filtrare l?arte attraverso il sentimento e farla risaltare nei suoi minimi particolari attraverso la lente d?ingrandimento dell?anima. Sono certo che la principessa Bibesco ebbe per gli anni a venire un certo rammarico per aver scambiato brevi battute per evitare di restare a tu per tu con quel buffo giovanotto con la barba lunga, gli occhi dolci e un vecchio pastrano addosso. Il libro, nella sua elegante godibilità non è però filologicamente corretto, le lettere sono spesso tagliuzzate e non sono in ordine cronologico, ma ciò lo rende più ?umano? ci fa sentire seduti in poltrona davanti al camino del castello di Mogosoea ad ascoltare la principessa che fa rivivere i suoi ricordi.
Suggerisci il libro ad un amico
Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.
Inviaci la tua recensione
Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.
Massimo 1800 caratteri

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.

Scrivi all'autore
Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere. Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 D.LGS.196/2003

Gentile Signore/a, desideriamo informarLa che il D.lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 13 del D.lgs. n.196/2003, pertanto, Le forniamo le seguenti informazioni:

1.I dati da Lei forniti verranno trattati con modalità manuali ed informatizzate per la gestione della sua adesione alla newsletter. Il conferimento dei dati è facoltativo ma l'eventuale rifiuto a fornire tali potrebbe comportare l'impossibilità parziale o totale di erogare le nostre prestazioni.

2.I dati saranno trattati da incaricati interni con mansioni commerciali o amministrative e potranno essere comunicati a terzi per il completamento di adempimenti obbligatori o per l'esecuzione di alcune prestazioni quali ad esempio la spedizione e la gestione degli ordini.

3.I dati personali potranno essere utilizzati per l'invio di informazioni di carattere commerciale sull'attività editoriale.

4.Il titolare del trattamento è
Sellerio EditoreS.r.l.
Via Siracusa, 50
90141 Palermo
Il responsabile del trattamento è:
Antonio Sellerio reperibile allo stesso indirizzo

5.In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art.7 del D.lgs.196/2003: il diritto di ottenere dal titolare la conferma dell'esistenza o meno dei propri dati personali e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi, di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione degli stessi o di opporsi al trattamento stesso.