Consigli d'autore

Ben Pastor consiglia L'uomo sul tetto di Maj Sjöwall, Per Wahlöö

Chiunque ami il poliziesco europeo non può non avere nel cuore la serie del commissario Martin Beck, scaturita dalla penna di Maj Sjöwall e Per Wahlöö. Di tutti i romanzi che compongono la saga, L’uomo sul tetto è forse il più esemplare e dolente; una storia – quella della vendetta nei confronti di un poliziotto brutale ma perfettamente integrato nel sistema – narrata con ritmo asciutto e pacato, che pure si carica, pagina dopo pagina, di un’intensità e di una amarezza che lasciano il segno. E se nell’algida società svedese «tutto è a posto e niente è in ordine», un romanzo come L’uomo sul tetto ribadisce la capacità del genere poliziesco, purché d’autore, di mettere a fuoco i contorni nazistoidi della modernità, smascherando tutte le ipocrisie e le efferatezze che spesso, troppo spesso, si nascondono dietro la patina «civile» del capitalismo avanzato e del suo agit-prop più subdolo, la correttezza politica.

L'uomo sul tetto

Maj Sjöwall, Per Wahlöö

L'uomo sul tetto

Vai alla scheda
Commenta