Filtra per lettera
Malanno precedente
Malanno successivo
Mal d'amore - Relazione genitori-figli
daniela canali
bct-biblioteca comunale terni
terni - TR
17 Ottobre 2013
rimedio:
Rattaro Sara, Un uso qualunque di te
"Il dolore si manifesta in diverse forme. Se è fisico può risultare pungente, bruciante, localizzato o acuto. Può essere una fitta leggera, uno spasmo incontrollato, uno strazio infinito o un tormento. A volte si può placare facilmente con antinfiammatori e analgesici. Se è morale allora la chiamiamo sofferenza. Con una parte conviviamo tutti i giorni: serve per accrescere e affrontare l'adattamento alla vita. [...] Una sofferenza però non la possiamo ignorare. È espressione di un'afflizione interiore più profonda. Cancella tutto, fa scomparire quello che hai intorno, anche ciò che ci appartiene di più. Da un dolore spesso si guarisce in fretta. E da una sofferenza?" Consigliato vivamente a chi crede di aver sbagliato tutto, di essere ad un punto senza ritorno...si può sempre recuperare anche a costo della vita.
Accedi per commentare