Filtra per lettera
Malanno precedente
Malanno successivo
Videogiochi, dipendenza da
barbara bernasconi
Fnac Milano
Milano - MI
17 Settembre 2013
rimedio:
Cline Ernest, Player one
In un futuro prossimo in cui la maggioranza della popolazione mondiale vive in povertà, l'unico luogo dove sembra sia possibile essere ancora felici e spensierati è Oasis, la più grande piattaforma di realtà virtuale mai creata, capace di dare un'illusione di realtà infinitamente migliore di quanto possa fare la realtà stessa. Ci si può connettere a Oasis per soli 25 centesimi e vi si può fare ogni cosa: studiare, lavorare e naturalmente giocare. In un mondo messo in ginocchio dalla crisi energetica Oasis è l'ultimo balurado della civiltà, l'ultimo bene di consumo ancora accessibile a tutti, in grado anche di influenzare l'economia. Le multinazionali sbavano per metterci le mani sopra ma quando il fondatore muore senza eredi il suo testamento riserva una sorpresa: erediterà colui che vincerà una singolare caccia al tesoro all'interno di Oasis che metterà alla prova l'abilità dei giocatori ma anche la loro conoscenza di Oasis stessa e del suo fondatore, un uomo scontrosissimo che viveva nel ricordo dei mitici anni '80 del novecento. Wade, adolescente obeso e asociale che vive nel mito di Oasis, riesce per caso a risolvere il primo indizio e si ritrova catapultato in un'avventura a metà tra mondo virtuale e mondo reale, braccato dalle multinazionali che lo vogliono morto e sostenuto da tutto il resto della popolazione mondiale che lo considera un eroe. Un romanzo divertente, coinvolgente, pieno di colpi scena e citazioni anni '80 che faranno la gioia di tutti gli appassionati di cultura pop. Un omaggio al mondo dei videogiochi, alla loro importanza nell'immaginario collettivo ma che offre anche l'opportunità di riflettere sul fatto che i mondi virtuali sono, appunto, virtuali. Non serve usarli per nascondersi perché il mondo reale (con tutti i suoi pericoli, le sue insidie, ma anche le sue gioie) sa sempre come e dove trovarti.
Accedi per commentare