Consigli d’autore

Torna indietro

Santo Piazzese

Consiglia

Lo svizzero Martin Suter merita di essere conosciuto. L’anno scorso avevo letto L’ultimo dei Weynfeldt, un delizioso giallo senza morti ammazzati, di ambientazione zurighese, che mi aveva molto divertito. È ora in libreria il suo secondo romanzo edito in Italia, Com’è piccolo il mondo!, diverso dal primo, come tema, ma anch’esso molto godibile. È un intrigo con al centro una famiglia dell’alta finanza elvetica, con strani rapporti incrociati tra i suoi membri. Tutto gira intorno a un anziano collaboratore che comincia ad avvertire i segni dell’Alzheimer. Con effetti paradossali sulla sua memoria a lungo termine. Suter ha la mano leggera nel trattare un tema così drammatico: il romanzo non è consolatorio, ma aperto, come deve essere, a una certezza di terapia. Anche se non immediata.

Santo Piazzese

Santo Piazzese, biologo, è nato a Palermo, dove vive e lavora. Con questa casa editrice ha pubblicato I delitti di via Medina-Sidonia (1996), La doppia vita di M. Laurent (1998) e Il soffio della valanga (2002), tutti raccolti anche nel volume della collana «Galleria» Trilogia di Palermo (2009), e Blues di mezz'autunno (2013).

Premio Lama e Trama 2011 alla Carriera.

X

Commenta

Caro lettore, se desideri puoi inviarci il tuo commento e condividerlo con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1000 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy