16 ottobre 1943

16 ottobre 1943

Nota di Natalia Ginzburg
Prefazione di Alberto Moravia

«Breve e splendido, 16 ottobre 1943 narra la deportazione degli ebrei romani». (Natalia Ginzburg)

«Breve e splendido, 16 ottobre 1943 narra la deportazione degli ebrei romani - scriveva Natalia Ginzburg su "La Stampa" di questi due racconti di Giacomo Debenedetti -. Non possiamo fare a meno di ammirarne la straordinaria forza dello stile, trasparente come il vetro. Sembra che a parlare, nel racconto di Debenedetti, sia la stessa realtà. Le frasi si susseguono, alte, nitide, disadorne, severe, e su ciascuna di esse grava il peso d'una pietà immensa. Al modo dei rintocchi di un orologio, suonano le parole che portano all'implacabile conclusione». Le due cronache, del 1944, sono tra le sole pagine di narrativa del grande critico, lettore di Proust, studioso del romanzo novecentesco, scritte evidentemente sotto l'urgere del dolore e della pietà civili. La prima narra dell'inganno vile e della persecuzione di Kappler contro gli ebrei del Ghetto di Roma (e i due aggettivi della Ginzburg, «breve e splendido», indicano che siamo di fronte a uno dei più bei racconti italiani mai scritti). La seconda cronaca, Otto ebrei, presenta il caso di un aguzzino che, a provare la propria buona fede, testimonia di aver risparmiato otto ebrei includendoli, in quanto ebrei, in un gruppo di dieci da salvare dalle Fosse Ardeatine: e Debenedetti riflette se questa grazia compassionevole, questa concessione di ingresso privilegiato in un'Arca di Noè, non sia stato da vivere come odioso razzismo.

1993

La memoria n. 271

116 pagine

EAN 9788838908941

Non disponibile

Autore

Giacomo Debenedetti (1901-1967), amico e collaboratore di Pietro Gobetti negli anni giovanili, è stato scrittore di racconti e saggi critici. Il suo approccio ai grandi autori del Novecento (tra cui Proust, che fu tra i primi a introdurre in Italia), connette in modo originale discipline analitiche diverse e s’incentra sul motivo dell’identità e sulla crisi del personaggio. Opere maggiori: il fondamentale Romanzo del Novecento e il racconto 16 ottobre 1943, pubblicato da Sellerio nel 1993. Di Debenedetti questa casa editrice ha pubblicato anche Preludi. Le note editoriali alla «Biblioteca delle Silerchie» (2012).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy