Gli aculei dell'istrice

Gli aculei dell'istrice

Londra ultimo quinquennio del Cinquecento. Un gruppo di giovanissimi letterati dà corpo a un «nuovo» genere letterario. Il primo studio italiano dedicato alla satira formale in versi.

Gli aculei dell'istrice è il primo studio italiano dedicato alla vicenda, sinora quasi ignorata, della satira in versi elisabettiana. Nell'ultimo quinquennio del Cinquecento, nella Londra in cui è in pieno fervore la grande stagione teatrale dominata dal genio di Shakespeare, un gruppo di giovanissimi letterati dà corpo alle inquietudini intellettuali che accompagnano la nascita dell'uomo moderno, creando un «nuovo» genere letterario. È la satira formale in versi, chiamata così perché ispirata alle forme della satira di Orazio, Giovenale e Persio. Gli autori sono animati da una modernissima ansia di sperimentare modalità espressive più adeguate a dare voce all'indignazione e allo sgomento delle loro coscienze di fronte al drammatico dissesto del loro mondo. Questa «primavera satirica elisabettiana», di cui sono indiscussi protagonisti Joseph Hall, John Marston e John Donne, ha una durata tanto breve quanto intensa, il biennio 1597-98. A porvi brutalmente fine, cancellando di netto il pericolo di quella «predicazione laica», intervengono l'Arcivescovo di Canterbury e il vescovo di Londra che, con un editto congiunto emanato il primo giugno 1599, ordinano il rogo di tutte le satire pubblicate vietandone l'ulteriore pubblicazione.

Autore

Attilio Carapezza insegna Letteratura inglese presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo. Si è occupato prevalentemente dei rapporti tra forme letterarie e ideologia nell'Inghilterra del primo Settecento, di storia della satira e dell'utopia, e di avanguardie storiche. Ha tradotto opere di Defoe, Pope, Lamb, Morris, Shiel e Durrell.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy