Gli altari della paura

Gli altari della paura

Lingua originale: francese
A cura di Bruno Romani

«André Chénier... aveva sotto gli occhi lo spettacolo di una vita politica torbida, convulsa, appena uscita dal vecchio mondo per mezzo di una grande rivoluzione...». (Bruno Romani)

Gli altari della paura: ad oggi, alla morte per ghigliottina di André Chénier, ben altri - per efferata qualità e numero - ne sono stati svelati e ancora se ne svelano; sicché queste pagine, che Bruno Romani qui giudica prive di intelligenza storica in rapporto alla grande rivoluzione di allora, appunto di intelligenza storica si sono arricchite per noi. Intempestivi nel momento in cui insorsero, intempestivi quando Romani li propose agli italiani nel 1944 (ma di una intempestività che doveva fare i conti con gli entusiasmi e coi conformismi), questi scritti appaiono oggi di sicura e lucida attualità.

Autore

André Chénier (1762-1794), poeta francese, partecipò attivamente agli inizi della rivoluzione, poi, disgustato dagli eccessi del Terrore, li denunciò con coraggio, finendo ghigliottinato. Ha lasciato un'opera poetica frammentaria che comprende le raccolte Elegie, Bucoliche, Giambi, e altri poemetti filosofici incompiuti.
X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy