Ammazzate il leone

Ammazzate il leone

Lingua originale: spagnolo
Traduzione di Angelo Morino
Titolo originale: Maten al león

Uno scrittore messicano che piacque a Sciascia e Calvino: ambientato in un'immaginaria isola caraibica, nel suo racconto l'eterna farsa del potere in una società arretrata.

Cos'è peggio, la brutalità con cui il maresciallo Belaunzarán marcia verso la presidenza a vita, l'indifferenza sottomessa con cui il popolo ne favorisce l'ascesa, oppure la resistenza imbelle e ipocrita che gli oppone l'aristocrazia per difendere la propria libertà? Ammazzate il leone rappresenta un dramma classico, quasi si direbbe l'archetipo della lotta politica in una società arretrata: la disputa del potere tra un demagogo - uomo nuovo, volontà di potenza fresca e accesa da ataviche astinenze - e la vecchia aristocrazia dagli umori svirilizzati per il lungo esercizio del dominio. Sullo sfondo, stanno le maschere distratte del popolo che crede solo di assistere a un episodio dell'eterno copione, mentre invece, con la sua assenza, è il personaggio decisivo. Ambientata in un'isola immaginaria dei Caraibi, la vicenda si svolge nel racconto di una vana e abitudinaria cospirazione contro il dittatore, ordita quotidianamente, tra un pomeriggio musicale e una serata al circolo, da caricature di oziosi proprietari terrieri di terre misere, di intellettuali privati del coraggio di pensare, di dame appariscenti e insignificanti. L'arrivo dagli Usa (col primo aereo visto sull'isola) di uno di loro, ma cresciuto all'estero e con fama di mente aperta e dongiovanni, vivacizza la scena. E la storia si accende di una serie di tentativi di attentati, tutti ridicoli, tutti destinati a finire in farsa o nella comica degli equivoci. Senza nemmeno il bagliore tragico della morte; con una piccola catarsi privata. Ibargüengoitia, un messicano della grande stagione di Gabriel García Márquez, e che si muoveva nel suo mondo, apprezzato particolarmente da Calvino e Sciascia, esprime la sua secolare amarezza meridionale nel grottesco, e con un linguaggio secco e sobrio quasi fino all'aridità.

Autore

Jorge Ibargüengoitia, nato a Guanajuato nel 1922 e morto nel 1983 in un incidente aereo, è stato autore di romanzi tra i più letti in Messico e tradotti in numerose lingue. Tra di essi: Ammazzate il leone (1969), I cospiratori (1981) e pubblicati da questa casa editrice Due delitti (1999), I lampi di agosto (2002) e Le morte (2004).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy