Amore di perdizione

Amore di perdizione

Lingua originale: spagnolo
Traduzione di Armando Maggi
Titolo originale: Amor de perdição
Nota di Armando Maggi

«La triste storia del mio zio paterno Simão Antonio Botelho» il quale «Amò, si perdette e morì amando. Questa è la storia».

«La triste storia del mio zio paterno Simão Antonio Botelho» il quale «Amò, si perdette e morì amando. Questa è la storia»: così Castelo Branco descrive il suo romanzo e, in una prefazione del 1879 (a vent'anni dalla prima edizione), parla decisamente male del suo libro più noto: disturbato, così sembra, dal grande successo di pubblico e dalla interpretazione corrente di romanzo passionale. Nel 1911 Miguel de Unamuno avalla questa interpretazione parlando di Amore di perdizione come della «novella passionale più intensa e profonda che sia stata scritta nella penisola iberica» (confermando fra l'altro una profezia dell'autore che prevedeva, se fosse rinato nel ventesimo secolo, di assistere a uno dei tanti ricorsi della sua opera). Ma a parte la storia - di amore ribellione e morte, di perdizione appunto, tra un giovane romanticamente e velleitariamente anarcoide e una fanciulla dell'ambiente più retrivo di un Portogallo ottocentesco sospeso tra feudalesimo e modernità - la passione che più emerge da Amore di perdizione è il risentimento, il sarcasmo, l'acidità, contro la grettezza e l'angustia di un'epoca e un ambiente. Castelo Branco (il «Balzac portoghese», vissuto male e morto suicida) scrisse Amore di perdizione in quindici giorni, mentr'era incarcerato per un reato di adulterio, mentr'era in carcere per amore, ricostruendo e romanzando una storia famigliare: ricordando con rabbia, si sarebbe detto nei nostri anni Sessanta.

Autore

Camilo Castelo Branco (1825-1890), rimasto presto orfano e vissuto presso una zia, abbandona gli studi per darsi alla letteratura, all’impegno politico liberale e a numerosi e avventurosi amori. E un amore intenso e infelice lo conduce in carcere, accusato di adulterio, per un anno, dove scrive Amore di perdizione. Liberato, vive stentatamente nella sua prolifica attività di scrittore, sino alla morte per suicidio. Tra le sue opere: Carlota Angela (1858), Amore di salvazione (1864), Eusebio Macario (1879).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy