Amstel blues

Amstel blues

Claudio Coletta, dopo il suo primo giallo di Viale del Policlinico, conferma la capacità di suscitare l’attesa e la contagiosa immaginazione di risvegliare dai luoghi più quotidiani l’inquietudine in agguato.

Dopo l’inatteso, straordinario successo del suo primo romanzo, Sandro Lucchesi è in crisi profonda. Forse è qualcosa di più della crisi di ispirazione che prende gli esordienti, una malinconia tenace, un senso di inutilità generale. Per guarire dalla quale decide di rivolgersi al passato e tornare in quella Amsterdam dove aveva vissuto fondamentali esperienze esistenziali e che prevede di usare come teatro del nuovo romanzo, una storia di spie. Dalla finestra del luminoso loft dov’è andato ad abitare, mentre s’aggira intorno alla vecchia scrivania lustra dall’uso in cerca di un’idea, s’accorge di una giovane donna nella casa di fronte, ne è come calamitato e comincia a studiarla. Viene nell’appartamento soltanto per scrivere, intensamente e senza sosta, lei, eppure spezzoni di vita ulteriore si intuiscono che non sembrano affatto così semplici. Sandro, da un lato, è investito dall’onda magnetica della ispirazione e, con la stessa frenesia della ragazza, ricomincia a scrivere e prova i diversi incipit della sua spy story; dall’altro, la fascinazione e la curiosità lo spingono a uscire fuori da quelle stanze sul canale, scrutando anche nella vita di fuori di Helene, così scopre chiamarsi la sua partner segreta. È un’ossessione che lega la capacità di scrittura di Sandro agli alti e bassi dei momenti di Helene, e che va articolandosi, coinvolgendo nuove persone, alleate complici e nemiche di una partita sconosciuta. Mentre, come lo spartito di una colonna musicale, prendono volume le varie trame della spy story. Perché Helene non è solo l’angelo segreto dell’ispirazione letteraria è anche la donna del mistero, del pericolo e del delitto.
Intorno la luce di una Amsterdam domestica, i suoi canali placidi, il suo cielo familiare, cominciano a baluginare con spettri da incubo.
Claudio Coletta, dopo il suo primo giallo di Viale del Policlinico, conferma la capacità di suscitare l’attesa e la contagiosa immaginazione di risvegliare dai luoghi più quotidiani l’inquietudine in agguato.

2014

La memoria n. 968

272 pagine

EAN 9788838932021

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Claudio Coletta (Roma, 1952) è cardiologo e docente a contratto presso l’Università degli Studi di Roma «La Sapienza». È stato membro della giuria internazionale del Roma Film Festival 2007. Con questa casa editrice ha pubblicato Viale del Policlinico (2011) e Amstel blues (2014).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy