L’archivio di Abele

L’archivio di Abele

Nella provincia emiliana microborghese e fascista, due fratelli affrontano il mondo in un modo «ventresco».

Due fratelli, figli del popolo, formati nel cuore del fascismo - quello violento e microborghese, grasso e plebeo, della provincia emiliana -, si rincorrono di avventura in avventura nel corso degli anni: e non perdono, al mutar della scena, una loro vocazione anarchica, un loro modo «ventresco» e innocente di affrontare il mondo. Nell'Archivio di Abele è uno dei fratelli che racconta, ordinando gli indizi, attraverso il ricordo, per consentire di comprendere qualcosa sulla scomparsa improvvisa dell'altro fratello, complice e mentore di tutta una vita. E c'è qualcosa, nella satira che tinteggia di colori più lievi monellerie di adulti, e ricorda Il giornalino di Giamburrasca, che fa pensare che, come Giamburrasca con le sue imprese metteva a nudo il lato «sporco» del mondo dei «grandi», qui si voglia scoprire un certo risvolto nascosto del carattere italico: che mai si solleva nemmeno a vizio, che mai scompare pur non manifestandosi, che fa sempre da remora a ogni maggiore aspirazione: assorbendola in sé e degradandola.

Autore

Antonio Faeti (Bologna, 1939) insegna Storia della letteratura per l’infanzia nell’Università di Bologna. Ha pubblicato molte opere di pedagogia. L’archivio di Abele è il suo primo libro di narrativa.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy