Arsène Lupin contro la Mafia

Arsène Lupin contro la Mafia

Lingua originale: francese
Titolo originale: Les Milliards d'Arsène Lupin
A cura di Roberto Pirani

L'ultima avventura del celebre ladro, al termine della quale prende congedo dai lettori veleggiando verso la tranquillità matrimoniale.

La Mafia siculo-americana decide di riassestare le proprie fortune intestandosi una crociata contro Arsène Lupin, l'esteta del crimine ormai pervenuto alla rispettabilità parastatale di consulente di lusso della Sureté («Sono tabù... la polizia ha troppo bisogno di me»). Se nel mirino dei mafiosi - che si servono anche della stampa, giungendo persino a controllare il più importante periodico di cronaca nera degli Stati Uniti - ci sono dunque la reputazione e il patrimonio del Ladro Gentiluomo per antonomasia, non manca all'interno della Polizia chi vuole chiudere una volta e per tutte la partita con Lupin («Ne abbiamo abbastanza dei tuoi trucchi e delle tue imprese. Ci costi più di quello che ne ricaviamo»). Feuilleton tanto nello stile spudoratamente sensazionale quanto di fatto - fu pubblicato a puntate su «L'Auto» tra il gennaio e il febbraio del 1939 - Arsène Lupin contro la Mafia è l'ultima avventura del gentleman cambrioleur: che a conclusione della consueta sarabanda di travestimenti, fughe, tranelli e depistaggi prende congedo dai suoi lettori veleggiando verso la tranquillità matrimoniale. Amaramente consapevole - lui individualista anarcoide, già maestro della beffa irriverente ai danni delle istituzioni - dell'incalzare del crimine organizzato, amorale e sanguinario.

1997

La memoria n. 391

204 pagine

EAN 9788838913631

Non disponibile

Autore

Iniziata nel 1905 con un racconto dal titolo poco promettente - L'arresto di Arséne Lupin - la carriera del più celebre ladro di tutti i tempi si protrarrà per 34 anni, attraverso una sessantina tra romanzi, racconti e pièces teatrali. La fama di Lupin oscurò quella del suo creatore il francese Maurice Leblanc (1864-1941), che - come gia successo con lo Sherlock Holmes di Conan Doyle - lo fece morire in un suo racconto per poi doverlo resuscitare a furor di popolo.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy