Assassini dei giorni di festa

Assassini dei giorni di festa

Lingua originale: spagnolo
Traduzione di Setl (scuola Europea Di Traduzione Letteraria)
Titolo originale: Asesinos de los días de fiesta
A cura di Angelo Morino

Assassini dei giorni di festa (che significa, per ragioni che si scopriranno, non coloro i quali uccidono nei giorni di festa, ma che uccidono i giorni di festa) è una storia grottesca, ironica, con punte di vera necrofilia, e che si muove in un crescendo di tutti i suoi toni.

«Anni sono trascorsi dopo di allora e continuiamo ancora a vivere qui nella casa di calle Arenales, continuiamo ancora a conservare la collezione di anticaglie e una santa nella segreta cella. Ma qualcosa non andò come l'avevamo architettata». Assassini dei giorni di festa (che significa, per ragioni che si scopriranno, non coloro i quali uccidono nei giorni di festa, ma che uccidono i giorni di festa) è una storia grottesca, ironica, nera opaca, con punte di vera necrofilia, e che si muove in un crescendo di tutti i suoi toni. Sei fratelli, di sesso diverso e differenti per tutta la gamma delle loro manie - dei quali poco si sa e poco importa sapere, poiché sono immagine stilizzata e comica di quelle situazioni di chiusura umana che sembra capace di racchiudere nel proprio bozzolo e devitalizzare qualunque spirito - iniziano, forse per noia, o più probabilmente per semplice malignità, un loro gioco di società. Nella Buenos Aires dei grandi quartieri che sono città nella città, frequentano veglie funebri di sconosciuti, di cui leggono a caso dei necrologi, e lì recitano, davanti a dolenti di ogni tipo, se stessi. Finché si imbattono in un morto senza parenti, in una ricca casa che conserva cimeli di ogni tipo e rinserra il segreto di un morboso amore. E il piano, che quasi automaticamente escogitano per impadronirsi di quelle ricchezze, li costringe a recitare se stessi di fronte a se stessi, a inscenare la loro stessa irredimibile aridità, in una drammatizzazione del cui umor nero, macabro e cattivo, non si rendono conto ma che li trascina in una specie di espiazione che non li illumina e non li emenda.

Autore

Marco Denevi (Sáenz Peña, Buenos Aires, 1922-1998), scrittore di intrecci tra il mistero e il poliziesco, ha raggiunto notorietà internazionale con Rosaura alle dieci (1955, pubblicato da questa casa editrice nel 1996, tradotto anche in inglese, francese e tedesco) e con la novella Cerimonia segreta (pubblicato da questa casa editrice nel 1993) da cui il regista Joseph Losey ha tratto un film. Questa casa editrice ha pubblicato, inoltre, Musica di amor perduto (1996) e Redenzione della donna cannibale (1997).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy