Le avventure di Aymé Leboeuf

Le avventure di Aymé Leboeuf

Lingua originale: russo
Titolo originale: Priključenija Eme Lebefa
A cura di Paola Ferretti

Le vicende di Aymé Leboeuf fuggono dalla Parigi libertina, alla Firenze delle cospirazioni, alla Venezia galante, alla Germania del rigido ordine feudale: giovinetto efebico amato dalle dame; giovane avventuriero rotto a ogni frode; adulto mago e impostore; fino all'ultima fuga, di cui però le sue Avventure lasciano l'esito in sospeso.

Il russo Kuzmin, della passione per i luoghi del passato letterariamente ricomposti propria dell'avanguardia russa del primo Novecento, è rappresentante esemplare. E il suo campo prediletto era il Settecento francese (coltivato con lo studio della letteratura, a cercarne: «il mondo degli artisti, degli artigiani, con la vita di allora, le tradizioni, la varietà degli incontri, l'avventura, la "atmosfericità"»). Un Settecento stilizzato, manierista che irresistibilmente ricorda quanto ne diceva Giacomo Casanova: chi non ha vissuto prima della rivoluzione non conosce la dolcezza del vivere. E un po' Casanova, e in parte Cagliostro (su cui Kuzmin scrisse un altro breve romanzo «storico») e in parte, infine, Candide, è Aymé Leboeuf le cui vicende fuggono dalla Parigi libertina, alla Firenze delle cospirazioni, alla Venezia galante, alla Germania del rigido ordine feudale: giovinetto efebico amato dalle dame; giovane avventuriero rotto a ogni frode; adulto mago e impostore; fino all'ultima fuga, di cui però le sue Avventure lasciano l'esito in sospeso. Aymé è del tutto in mano al caso (così Kuzmin immagina il Settecento), come una foglia al vento: ma quel vento è una lieve brezza fresca (così Kuzmin immagina la dolcezza del vivere, sconosciuta a chi non ha vissuto prima della rivoluzione).

Autore

Michail Kuzmin (1872-1936), nato in una famiglia di possidenti russi, debutta come poeta nel 1905 e partecipa, come simbolista, alla stagione dell’avanguardia. Scrive il Manifesto sulla bellissima chiarezza (1910), una serie di racconti di ambientazione settecentesca e italiana, drammi e commedie, musiche per spettacoli teatrali. Dopo la rivoluzione, che accoglie con entusiasmo, continua a scrivere versi, sino all’involuzione staliniana. Ritiratosi nel silenzio, si dedica a tradurre i classici della letteratura. Di Kuzmin questa casa editrice ha pubblicato La prodigiosa vita di Giuseppe Balsamo, conte di Cagliostro (1991).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy