Baarìa

Baarìa

Nota di Giuseppe Tornatore
Introduzione di Paolo Mieli

«Qualcuno dirà che Baarìa è una storia di ricordi.
A me sembra il ricordo di una storia».
Giuseppe Tornatore

«Baarìa è un suono antico, una formula magica, una chiave. La sola in grado di aprire lo scrigno arrugginito in cui si nasconde il mio film più personale. Una storia divertente e malinconica. di grandi amori e travolgenti utopie. Una leggenda affollata di eroi. Baarìa è anche il nome di un paese siciliano dove la vita degli uomini si dipana lungo il corso principale. Ma percorrendola avanti ed indietro per anni, puoi imparare ciò che il mondo intero non saprà mai insegnarti».

Tutto il secolo scorso, il Novecento, dagli anni Venti alla fine, compreso in un sogno o nella corsa di un bambino che vola per guadagnare venti lire: e in questo tempo scorre la vita di un paese siciliano lungo tre generazioni di poveri, poetici personaggi, dai nonni ai nipoti. Ma soprattutto è la storia di Peppino e di Mannina; storia d’amore e di lotta per la vita che funziona da filtro ottico di tutta una vicenda corale. Una narrazione collettiva, una pittura che prende centinaia di figure, come i quadri di Renato Guttuso, come le poesie di Ignazio Buttitta, ciascuna illuminata d’umanità e di ironia, e interpretata più dal lato dell’idillio, della commedia, che non dell’epica. Una sceneggiatura non può includere intera l’emozione data da un film, ma leggere questa del film più sentito di Giuseppe Tornatore, mentre esce contemporaneamente nelle sale cinematografiche, offre la possibilità ulteriore di rintracciare alla fonte un senso più intimo, un’intenzione più autentica. Quella forse di rappresentare la trama fondamentale della storia di un terra: che è sintetizzabile nelle immagini del conflitto perenne tra la qualità umana delle persone contro la testarda immutabilità sociale. Vite che, in Sicilia, per le generazioni del Novecento, si riscattavano sempre riversando le storie private di dignità e coraggio, senza rotture di continuità, nell’impegno politico e civile: contro l’agrario, contro il fascismo, per la terra, contro la mafia, e in una misura e con una frequenza molto maggiore di quanto si pensi. Una lotta che tanto più si presta all’umorismo e alla nostalgia nel raccontarla, con la penna e sullo schermo, quanto più è stata nella realtà difficile, tormentata e apparentemente vana.

Autore

Nato a Bagheria, Giuseppe Tornatore (1956) esordisce nel cinema con Il camorrista del 1986. Il pieno riconoscimento internazionale giunge con Nuovo Cinema Paradiso, del 1988, di cui è anche soggettista e sceneggiatore, premio Oscar 1990 per il miglior film straniero. Sono seguiti altri film di successo, distribuiti a livello mondiale. Con questa casa editrice ha pubblicato, oltre a La migliore offerta (2012), le sceneggiature di Nuovo Cinema Paradiso (1990) e Baarìa (2009), il soggetto di La migliore offerta (2012) e il romanzo tratto dal film omonimo La corrispondenza (2015).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy