Il ballo del conte d'Orgel

Il ballo del conte d'Orgel

Lingua originale: francese
Traduzione di Luca Grossi
Titolo originale: Le Bal du comte d'Orgel
Nota di Daria Galateria

Il secondo e ultimo romanzo dell'autore de Il diavolo in corpo. Il cadere nell'amore di una grande aristocratica per un giovane snob amico del marito, raccontato con classica semplicità.

Il ballo che dà il titolo non ci sarà; e nemmeno la preparazione. Aleggia forse l'attesa, ma come di un evento abituale, che si ripete ogni anno. Per cui il Ballo degli Orgel è un punto d'arrivo e si racconta invece ciò che successe, nei tempi precedenti il loro Ballo, ai coniugi conti Orgel, grandi aristocratici di antichissimo lignaggio. Ma diversi, quasi per traccia atavica: lei creola di una stirpe di nobili feudali; lui dell'aristocrazia di corte della cerchia più ristretta e cittadina. E la storia si svolge con una attenzione vigile ai minimi spostamenti - che non a caso è stata collegata al primo e più puro dei romanzi psicologici: la Principessa di Clèves di Madame de La Fayette -, come il tentativo di risposta alla domanda: «i moti di un cuore come quello della contessa d'Orgel sono superati?» enunciata all'apertura del romanzo. L'analisi che ne segue dispiega la lenta inevitabile cadenza dell'innamorarsi della contessa Mahaut, per un giovane snob François de Séryeuse, amico di recente acquisto del marito d'Orgel, sotto gli occhi coniugali di questi, «uomo che percepiva la realtà soltanto di ciò che accadeva in pubblico; che aveva paura più che della sofferenza, dei gesti che essa gli avrebbe fatto compiere». Pubblicato nel 1924, un anno dopo la morte precocissima a vent'anni del suo autore, quel Radiguet del romanzo-mito Il diavolo in corpo che per generazioni ha rappresentato in letteratura l'inquieto universo delle crisi giovanili, questo suo secondo e ultimo romanzo, concluso ma non rivisto, fu sottoposto all'opera di revisione redazionale di Cocteau. La traduzione presente - introdotta da un saggio critico e biografico di Daria Galateria - lo restituisce all'ultimo testo visto dall'autore.

Autore

Raymond Radiguet, nato nel 1903, a Parigi giovanissimo divenne uno dei protagonisti intellettuali del fervido dopoguerra. Molto amico di Cocteau, con lui fondò la rivista «Le Coq». Fu poeta. Nel 1923, l’anno della morte molto prematura, pubblicò Il diavolo in corpo, che subito divenne una specie di manifesto spirituale del disagio e dell’inquietudine. Il suo secondo romanzo, questo Il Ballo del conte d’Orgel, fu pubblicato postumo, senza che l’autore potesse rifinirlo. La revisione redazionale fu compiuta da Cocteau e Joseph Kessel (lo scrittore di Belle de jour, da cui Buñuel trasse il grande film). Questa traduzione è basata sul testo originale restaurato a cura di Monique Nemer pubblicato dall’editore Grasset nel 2003.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy