Il baule di Giovanna. Storie di abbandoni e infanticidi

Il baule di Giovanna. Storie di abbandoni e infanticidi

Una storia dell'infanticidio costruita sugli atti del tribunale di Trieste dell'ultimo trentennio dell'Ottocento. Attraverso biografie di madri infanticide, il racconto di una sofferenza sociale.

Per secoli - e, come sanno gli storici della demografia, fino ad anni vicini più di quanto comunemente si pensi - la forma probabile più diffusa di controllo delle nascite è stata una invisibile, poco clamorosa, e quindi poco urticante i pruriti dei moralisti: l'infanticidio, nella forma diretta della uccisione dei neonati, e indiretta della «esposizione» sulle ruote dei conventi e dei pii orfanotrofi per gli infanti abbandonati. Per comodità della pubblica morale, era pratica diffusa esclusivamente tra i ceti popolari, «le classi pericolose e immorali», e circoscritta ulteriormente alla solitaria disperazione di donne senza voce socialmente percettibile. E se una denuncia rendeva pubblico il misfatto, era facile ascriverne la colpa solo alla bestialità di giovani già perdute, di femmine imprudenti e incompetenti perfino nel loro vizio. Quando poi la rivoluzione industriale iniziò ad assembrare nelle città la grande dispersione contadina, servette, operaie, cucitrici, vennero a popolare le periferie, questa non metaforica strage degli innocenti emerse inevitabilmente alla luce, cominciò ad assumere rilevanza statistica, e frequenza di casistica giudiziaria. Ed è sugli atti del tribunale di Trieste dell'ultimo trentennio dell'Ottocento, che Il baule di Giovanna costruisce i suoi materiali per una storia dell'infanticidio, attraverso il racconto di un numero di storie e biografie di madri infanticide che, dall'entroterra slavo, la miseria spingeva verso il grande porto dell'Austria imperiale. Vicende esemplari, per una storia sociale della sofferenza. Ma anche soggetti di naturale forza letteraria, che sembrano venuti dalle pagine del Libro di devozioni domestiche di Bertold Brecht.

Autore

Diana De Rosa (Ancona, 1942) ha svolto attività di ricerca nell'Università di Trieste; studiosa di storia delle istituzioni educative, ha pubblicato I bambini di Sua Maestà (Milano, 1987).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy