Briganti. Fotografia e malavita nella Sicilia dell'Ottocento

Briganti. Fotografia e malavita nella Sicilia dell'Ottocento

30 illustrazioni in bicromia, 66 tavole in bicromia fuori testo

Lo sguardo in tralice; il cappello di sbieco; la barba folta; la mano sicura; il ritratto di di Giuseppe Lo Zito offre del brigante un'idea romantica: non quella di un delinquente feroce, finalmente tratto in arresto. Eppure, in galera venne eseguito questo ritratto, da Enrico Seffer, come fotografia segnaletica. 

Fiorita in anni in cui le questure, in Italia, non si erano ancora attrezzate di gabinetti fotografici propri, la fotografia di brigantaggio fu il risultato di una continua contaminazione di funzioni e di stili. Accadde spesso che la stessa immagine, eseguita in origine come ritratto privato, finisse nelle mani della polizia, diventando una fotografia segnaletica; fosse tradotta in incisione e pubblicata sui quotidiani, per propagandare i successi delle forze di repressione; servisse ad un frenologo come strumento di studio; o venisse venduta come souvenir ai turisti e come oggetto di collezionismo.

Autore

Paolo Morello, medico palermitano, è anche uno studioso di fotografia, ha studiato presso lo Iuav di Venezia, la Scuola Normale Superiore di Pisa, il St.John's College di Oxford. Tra i suoi libri recenti, Enzo Sellerio fotografo. Tre studi siciliani (1998), Fotografi e fotografie a Palermo nell'Ottocento (1999) e Gli Incorpora 1860-1940 (2001).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽