The Buenos Aires Affair

The Buenos Aires Affair

Lingua originale: spagnolo
Titolo originale: The Buenos Aires Affair
A cura di Angelo Morino

In una metropoli cupa, presaga delle violenze della prossima dittatura sanguinaria, un romanzo poliziesco a pretesto della spietata radiografia di due prigionieri del passato in cerca di amore e di se stessi.

Apparso in Argentina nel 1973, The Buenos Aires Affair venne dapprima rapidamente ritirato dalle librerie, poi rimesso in circolazione con quattro cancellature che sopprimevano in tutto una trentina di righe, e poi ancora definitivamente sequestrato con l'accusa di pornografia. In realtà, le cancellature coinvolgevano solo due punti in cui si descrivevano incontri sessuali, mentre gli altri due contenevano particolari della politica peronista su cui si preferiva tacere, soprattutto in quegli anni che avevano visto Perón tornare alla presidenza del paese. Ma il provvedimento non avrebbe determinato solo il ritiro del romanzo, perché pochi mesi dopo Manuel Puig - avvertito che il suo nome era stato inserito in una lista nera, insieme ad altri sgraditi al regime - si allontanava dall'Argentina e dava inizio a un volontario esilio che sarebbe durato fino alla sua scomparsa. Nell'insieme di queste circostanze, The Buenos Aires Affair - qui riproposto in una nuova traduzione firmata da Angelo Morino - adesso si rivela testo centrale: facendo seguito a Il tradimento di Rita Hayworth e a Una frase, un rigo appena, mette fine al periodo specificamente argentino della vita e dell'opera di Manuel Puig e, intanto, già prelude a quello segnato da toni più cosmopoliti che - a tre anni di distanza - si sarebbe aperto con Il bacio della donna ragno. Sottotitolato «romanzo poliziesco» e in ogni capitolo preceduto da spezzoni di sceneggiature di film hollywoodiani degli anni Trenta e Quaranta, costruito mediante l'abile uso di materiali che si fingono provenienti dalla realtà, così come di svariate tecniche narrative, The Buenos Aires Affair consegna una radiografia - spietata ma partecipe - del disagio nel vivere che accomuna i due protagonisti. Sono un uomo e una donna smarriti nella ricerca di un amore che sappia coniugare gli aneliti del cuore e gli appetiti del corpo, ritratti nell'incapacità di allontanarsi da scene vissute nel passato, condizionati da mitologie sgargianti in cui tentano invano di trovare corrispondenze con la loro realtà misera di colori. E - fra smarrimenti, incapacità e condizionamenti - c'è soprattutto un episodio buio quanto sanguinoso che, annidato negli anni trascorsi, non cessa di agire nel presente, sempre più fissato in un'ossessione difficile da confessare. Il tutto sullo sfondo di una metropoli percorsa da rumori cupi, quasi presaga della violenza che - di lì a poco - sarebbe esplosa stravolgendola e invadendone ogni spazio.

Autore

Manuel Puig è nato a General Villegas, villaggio vicino a Buenos Aires, nel 1932. È morto nel 1990. Di Puig questa casa editrice ha pubblicato: Agonia di un decennio, New York '78 (1984), Mistero del mazzo di rose (1996), Una frase, un rigo appena (1996-2000), The Buenos Aires Affair (1997-2000), Scende la notte tropicale (2004).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy