La cagna nera

La cagna nera

A cura di Gino Tellini

Un giovane conte di provincia assiste distratto al dissesto della propria casa e del relativo patrimonio. E distrattamente si trova ad essere involontario padrone di una inquietante cagna nera.

Forse predecessore, e abbastanza vicino nel tempo, di questo racconto poco noto di Panzini è una delle novelle maestre del genere «nero», il Tè verde di Sheridan Le Fanu in cui una scimmietta ghignante perseguita un dotto ecclesiastico, a premonizione di un destino di perdizione. Nella Cagna nera di Panzini, che l'altro racconto non conosceva, l'animaletto è una randagia dagli occhi imploranti che trascina un conte impoverito, a fatica sottrattosi dalla decadenza morale, nell'abisso che comunque evidentemente l'attendeva. L'intento di Panzini, quando scrisse il racconto nel 1895, era di narrare un processo di impazzimento, seguendo l'interesse per le psicopatologie che covava nelle letterature del tempo - e con l'ausilio di una scrittura di proposito monologante e antinaturalistica, a rendere il progressivo confondersi. Per noi lettori di oggi, che quella curiosità, da scientifica, abbiamo riportato nel più vasto mistero, la cagna nera potrebbe raffigurare la parte che frequenta gli inferi e il suo invincibile prevalere, a volte.

Autore

Alfredo Panzini (Senigallia, 1863-Roma 1939), professore di ginnasio e poi accademico d'Italia, scrisse numerosi romanzi raccolti poi nel volume Sei romanzi fra due secoli (1938) e in quello Romanzi d'ambo i sessi (1941). È autore del Dizionario moderno (1905). Questa casa editrice ha pubblicato anche Grammatica italiana(1982).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy