La canaglia sentimentale

La canaglia sentimentale

Lingua originale: spagnolo
Traduzione di Antonio Torsello
Titolo originale: El canalla sentimental
A cura di Maria Nicola

È infedele, vanitoso, brillante, divertente, imprevedibile, spaventato: il narratore-protagonista de La canaglia sentimentale è l’essere più contraddittorio che si possa immaginare. Uno però che sa ridere di se stesso.

La canaglia sentimentale, terzo romanzo pubblicato in Italia del peruviano Jaime Bayly, è un autoritratto, in cui l’io del narratore è come continuamente distratto a spostare lo sguardo da sé agli altri, mantenendo la stessa ironia e la stessa tenerezza. Jaime, il protagonista, lo abbiamo conosciuto, nei due primi romanzi, adolescente il cui «destino era scoprire l’amore nella persona di un uomo», e giovane lanciato tra scrittura e televisione alla ricerca di una definizione sia in amore che nell’arte. Ora è un quarantenne grasso, affermato, un pigro in perenne movimento tra Miami dove conduce un programma TV di successo, Lima dove vivono le sue figlie e Buenos Aires dove manda avanti il fiacco rapporto con il suo ragazzo. E in questo movimento, spaziale, su e giù per un’America continente unico, si inseriscono gli altri due moti perpetui che lo caratterizzano come personaggio comico: è un bisessuale, stanco di sesso, legato a un ragazzo, che però torna sempre nei luoghi delle sue donne; è uno scrittore dalla forte vocazione, ma che trae denaro, comodità e fama dall’intrattenimento televisivo. Contraddittorio, infedele, vanitoso, comodista, ma spinto dal sentimento verso gli altri, verso avventure e incontri, con la propensione all’equivoco comico e i personaggi paradossali. Sullo sfondo scorre la società dei sudamericani ricchi, con l’innesto di un way of life del Nordamerica nell’America del Sud, e i paradossi dell’opulenza, del consumismo e della velocità senza meta in una struttura lenta e povera. Una strana nuova società, in rapida e sconosciuta trasformazione, meticcia, fatta di enclave isolate e folle caotiche senza territori di mezzo; contrappuntata di non luoghi. In essa il protagonista avanza avventuroso, con la stessa curiosità divertita e la stessa assenza di aspettative che agitava la generazione beat, ma con gli aeroporti al posto delle stazioni di servizio. E lo sguardo è lo stesso che volge alle proprie figlie: «Non cerco di educarle o di insegnare loro qualcosa, né di impartire lezioni di disciplina o di rettitudine morale, tutte questioni di cui non ho la minima idea».
Il grande Bolaño cita Bayly tra gli «autori che si sono spinti più in là sulla frontiera del nuovo territorio da esplorare. Il territorio dove giacciono le ossa di Cervantes e di Valle Inclán, il territorio dei morti e dell’avventura».

Autore

Jaime Bayly (Lima, 1965) è considerato tra i più innovativi scrittori latino americani, anche per la irriverente descrizione della classe dirigente cui appartiene. Dei numerosi romanzi, questa casa editrice ha pubblicato Non dirlo a nessuno (2003) e L’uragano ha il tuo nome (2006).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy