Il candeliere a sette fiamme

Il candeliere a sette fiamme

1930. Da un cadavere in un albergaccio di Milano, le fila di un intrigo internazionale. Le segue De Vincenzi, il primo commissario del giallo di scuola italiana, tra questione ebraica nascente, ambienti tenebrosi e trasformisti.

Oltre la presa tipica dell'intrigo poliziesco, questo romanzo del padre nobile del giallo italiano può attrarre anche per un curioso interesse storico. Può servire da esempio per illustrare la politica del fascismo verso la narrativa criminale; politica che imponeva per i protagonisti negativi nomi stranieri e ambienti bizzarri e inusuali. De Angelis, il quale nel 1944 fu ucciso dall'aggressione violenta di un fascista, scrisse i suoi romanzi nel Ventennio e, senza in nulla essere un entusiasta - anzi, dal commissario De Vincenzi, il detective da lui creato, irradia un pessimismo poco conforme - non sfugge alle regole. Così il Candeliere a sette fiamme inizia con la scoperta di un cadavere di incerta nazionalità, sventrato in uno squallido alberguccio di Milano, ma porta il commissario De Vincenzi ad attraversare il Mediterraneo nel seguito dell'inchiesta, che rapidamente volge in un'avventura di spionaggio implicante l'appena nata questione palestinese, con sprazzi tenebrosi e quasi gotici (come già il titolo fa presagire). Naturalmente, tranne De Vincenzi e il suo aiutante, i personaggi sono appunto tutti stranieri e assai bizzarri: un uomo ragno, un tipetto di inglesina, tedeschi-arabi, e una organizzazione di ebrei. E - seconda curiosità storica e non meno importante - gli ebrei, se pur descritti fisicamente un paio di volte secondo lo stereotipo all'epoca imperante, al contrario di questo, moralmente sono gli eroi positivi, e De Vincenzi sta visibilmente (e malinconicamente) dalla loro parte. A riprova di quanto diceva Chesterton, che il romanzo poliziesco «si basa sul fatto che la moralità è il più oscuro e ardito dei complotti».

2005

La memoria n. 655

256 pagine

EAN 9788838920646

2ª edizione

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Augusto De Angelis, nato a Roma nel 1888, incarcerato per antifascismo nel 1943, e morto a Bellagio nel 1944 per le percosse subite in un’aggressione fascista. Il commissario De Vincenzi fu portato in televisione negli anni Settanta del Novecento da Paolo Stoppa per una serie di sceneggiati. È protagonista di quindici romanzi scritti tra il 1935 e il 1942 di cui questa casa editrice ha già pubblicato: Il mistero delle tre orchidee (2002), L’Albergo delle Tre Rose (2002), Il mistero di Cinecittà (2003), La barchetta di cristallo (2004), Il candeliere a sette fiamme (2005), L’impronta del gatto (2007), Giobbe Tuama & C. (2008), Il banchiere assassinato (2009), Sei donne e un libro (2010) e Il canotto insanguinato (2014). Tre romanzi della serie sono stati anche riuniti nella collana «Galleria» col titolo Il commissario De Vincenzi.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy