Capanne

Capanne

Con uno scritto di Roberto Alajmo

 

172 fotografie a colori

Volume stampato su carta patinata

legatura in tela con sovracoperta illustrata

formato 21,5x30 cm

Questo libro è una delle ultime proposte editoriali vagliate direttamente da Enzo Sellerio. Per l'ironia di fondo che attraversa questo progetto, il volume non poteva che vedere la luce nelle sue edizioni.

«Gli abitanti di Palermo vanno in villeggiatura a Mondello, agglomerato di seconde case che si trova a sette chilometri dal centro della città. Qui traslocano a giugno l'intero proprio arsenale di vita. La seconda casa ha poi una sorta di dependance sulla spiaggia, che è la capanna. Non cabine: capanne, si chiamano a Palermo e sono considerate una seconda o terza casa che viene allestita come un mini-appartamento attrezzato di ogni confort.
All'esterno sono tutte identiche, all'interno non esistono due capanne uguali. Eppure ogni stravaganza porta con sé la malinconia tipica dell'originalità a tutti i costi, il desiderio di una borghesia inappagata, alla ricerca di una distinzione impossibile. Ogni dettaglio evoca lo status che si vuole simulare.
Gli abitanti di Palermo, a partire dal primo settembre perdono interesse per il mare; ne hanno avuto abbastanza, lo considerano un vecchio rapporto essiccato dall'abitudine. Dal sedici al venti settembre, più o meno. È in quest’arco di tempo che a Palermo l’estate scivola nell’autunno, a prescindere da ogni considerazione stagionale o climatica. Sono i giorni in cui le cabine balneari vengono abbandonate dagli affittuari e affidate al personale della società Italo-Belga per essere smontate. Cinque giorni al massimo: un breve limbo durante il quale ciò che resta all’interno delle cabine non appartiene a nessuno.
L'occhio del Fotografo arriva a scrutare quando la vita ormai è altrove, e coglie però la malinconia di una estate che se n’è andata.
Rimangono singole, infinitesimali tracce di vita. Una figurina appesa, il resto di una tenda con annessa mantovana, un racchettone spaiato, riviste già sbiancate dal sole, lo scheletro di un ombrellone, grucce, un barattolo di nutella, rastrelli spauriti, secchielli spaccati, remi di canotto, salvagente bucati, braccioli singoli, greche decorative mezze strappate, due putti, madonnuzze. Un mazzo di carte incompleto: unica figura scoperta, il sette di denari.
I ruderi sono l'enigma, non la soluzione.
Le capanne hanno pudore dei propri segreti.
Se nei dintorni qualche amore è cominciato o finito, se un bambino è stato toccato da una medusa, se qualcuno ha litigato o fatto pace, baci dati e negati, microdrammi e microgioie dell'estate trascorsa: tutto questo i ruderi delle capanne non lo raccontano.
Però talvolta, a ben guardare, qualcosa lasciano intuire».                                                   
Roberto Alajmo

Autore

Angelo Cirrincione è nato a Palermo nel 1973. Fotografo professionista, i suoi lavori sono stati premiati all’International Photography Awards di New York e al PX3 Prix de la Photographie Paris. Alcune sue fotografie sono state esposte in mostre collettive esclusive a New York, Hillsborough NC, Chiang Mai, Bangkok, Roma. Le fotografie raccolte in Capanne  sono state realizzate tra il 2008 e il 2013.

 

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽