La casa di John il Sordo

La casa di John il Sordo

Lingua originale: inglese
Traduzione di Masi Ribaudo
Titolo originale: The Acid House

«Cazzo, troppe scopate, troppa roba e troppe poche scazzottate, cazzo. Ecco dove sbagliano di 'sti tempi'». Un ritratto veritiero ed esilarante della classe proletaria, che abbatte spietatamente i falsi idoli proposti agli «eroi» protagonisti. Dall'autore di Trainspotting.

«Il mio problema con la letteratura proletaria è che mi sorprendo a considerarla come una forma di letteratura pastorale». Questo celebre verdetto - pronunziato più di sessant'anni fa da William Empson - vuole che, per quanto truci possano essere le storie che racconta, la narrativa della «gente che lavora» britannica riposi sempre sull'idealizzazione della schietta umanità di una classe sociale cui l'autore non ha peraltro alcuna voglia di mescolarsi o (se ne proviene) di far ritorno. L'ipotesi è assai suggestiva - ancorché formulata in modo da non poter essere confutata - ma non ha impedito, nel dopoguerra, il rigogliare della working class fiction; il cui ramo scozzese (George Friel, Gordon Williams, e oggi soprattutto James Kelman) ha un carattere particolarmente agro e disilluso. Allo sbocco di questa tradizione, Irvine Welsh ne perpetua il pessimismo e ne porta in superficie le potenzialità comiche, spostando l'azione dalla canonica Glasgow alla sua Edimburgo, boriosa al modo in cui sanno essere le ex-capitali. Contaminazione di strada e libro, La casa di John il Sordo pare comunque voler sfuggire al teorema empsoniano alludendo ad una condizione generale di eclissi del dover essere. E, strada facendo, Welsh si diverte a sbugiardare tutta una serie di miti correnti: la professionalità e il miraggio della promozione sociale, l'ipersessualismo tronfiamente predatorio, la religione nazionale del calcio, la politica di una sinistra paternalista o velleitaria, infine il consumo di oppiacei e allucinogeni, frenetico rimescolamento del solito mazzo di carte, che non reca alcuna rivelazione.

1997

La memoria n. 405

216 pagine

EAN 9788838913907

Non disponibile

Autore

Ex-elettrotecnico nativo di Edimburgo, oltre a The Acid House (1994) da cui è tratta la presente scelta, Irvine Welsh ha pubblicato Trainspotting (1993), Marabou Stork Nightmares (1995) e Ecstasy (1996).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy