Il castello di Vaux-le-Vicomte

Il castello di Vaux-le-Vicomte

Lingua originale: francese
Traduzione di Maria Delogu
Titolo originale: Le Château de Vaux-le-Vicomte
Nota di Beppe Benvenuto

Il ritratto mosso e drammatico del soprintendente delle finanze di Luigi XIV Nicolas Foucquet, uomo ricco e potente, collezionista d'arte e amante di libri. E sullo sfondo un luogo d'elezione: il castello di Vaux-le-Vicomte costruito su commissione di Foucquet dai più grandi architetti e artisti del tempo.

Luigi XIV aspettò la morte del Mazzarino, l'ultimo dei ministri-cardinali, prima di avviare la sua opera: l'assolutismo regio. E per farlo dovette attuare in realtà una specie di colpo di Stato: come comprese il regista Roberto Rossellini, intitolando il suo capolavoro sulla giovinezza del Re Sole, in modo solo apparentemente ossimorico, «La presa del potere da parte di Luigi XIV». La figura di un re che effettivamente governasse era infatti inusitata come una bizzarria passeggera. «Il re regna ma non governa» era la dignità di norma. Passo fondamentale del suo colpo di Stato fu l'arresto, irto di pericoli e preparato con astuzia minuziosa, di un uomo potente come un re e del re ben più ricco: il soprintendente delle finanze Nicolas Foucquet.  Foucquet si era arricchito favolosamente con le entrate del Tesoro, all'ombra di Mazzarino, e aveva costruito il potere personale su uno splendore, di dimore, di mecenatismi verso gli artisti, di favori a cortigiani che troverà ironicamente nel Re Sole il più ispirato imitatore dopo la caduta del suo prototipo. Anatole France non nasconde per Foucquet una simpatia, e lo interpreta quale rappresentante - l'ultimo rappresentante presto rimpiazzato da Colbert, «ministro avaro e pusillanime, schiavo infelice» - delle libertà feudali, e delle signorili liberalità, volgenti al definitivo tramonto. Ed è un ritratto mosso, drammatico, con un luogo di elezione: il castello di Vaux-le Vicomte, i cui architetti decoratori pittori e giardinieri passeranno, caduto Foucquet, al servizio del re, dove Molière, La Fontaine, Corneille erano ospiti frequenti in compagnia delle più celebri dame future animatrici di Versailles; e con una scena culmine: l'abbagliante, ingegnoso, spettacolare pranzo in onore del giovane re di passaggio, organizzato dal gran Vatel, il maître d'hôtel che un giorno si ucciderà per aver sbagliato un piatto di pesce. Quel pranzo accenderà in Luigi l'invidia, il sospetto e la necessità della sopraffazione.

Autore

Anatole France (Parigi, 1844-Saint-Cyr-sur-Loire, 1924; pseudonimo di Anatole-François Thibault), Accademico di Francia e Premio Nobel nel 1921, autore fra l'altro del Delitto di Sylvestre Bonnard (1881), Taide (1890) e dei quattro romanzi che formano il ciclo della Storia contemporanea (1897-1901), scrisse Il castello di Vaux-le Vicomte, racconto storico del destino di Nicolas Foucquet, nel 1888. Di France questa casa editrice ha pubblicato Il procuratore della Giudea (1980) e Crainquebille (1992).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy