Cibo e rito. Il gesto e la parola nell'alimentazione tradizionale

Cibo e rito. Il gesto e la parola nell'alimentazione tradizionale

Nota di Carlo Petrini
Prefazione di Antonino Buttitta

Tra i pochi saperi della tradizione che sono sopravvissuti al processo di oblio della cultura popolare resistono quelli connessi alla cultura alimentare, al patrimonio gastronomico. Il cibo della tradizione conserva ancora memoria attiva del suo trascorso. Una memoria materiale, ma anche fortemente simbolica.

Le forme dell’alimentazione sono un fatto la cui specificità storica e culturale è quanto di più specifico dell’identità dei popoli. Da qui il peculiare valore degli studi sulle pratiche alimentari. Il tratto più significativo dell’alimentazione, forse il suo specifico rispetto a altri, consiste nell’occupare per intero il segmento ai cui estremi stanno natura e cultura. La cucina tiene sempre strette l’una e l’altra. È facile dimostrare la connessione tra i diversi modi di nutrirsi dei popoli e l’ambiente naturale nel quale essi vivono e sono vissuti nel corso dei secoli. Altrettanto facile è segnalare nella loro cucina la presenza di cibi conseguenti a scambi culturali.
Nel nostro Paese non sono pochi i cibi, ma anche le bevande, consumati grazie al fatto di trovarsi al centro di un crocevia storico di estensione secolare. Di fatto l’alimentazione ribadendo lo statuto unitario della condizione umana, ne afferma la sacralità ritualizzando le sue pratiche. Si comincia a capire solo adesso che la perdita delle tradizioni alimentari costituisce per le società un impoverimento della loro umanità. Questa opera esemplare di Piercarlo Grimaldi serve a ricordarcelo. Ad avvertirci che l’unica vera sfida dell’uomo alla morte è la conservazione della propria memoria culturale.

 

2012

Tutto e subito n. 23

256 pagine

EAN 9788838927140

2ª edizione

Autore

Piercarlo Grimaldi è nato a Cossano Belbo nel 1945, all’incrocio della Langa pavesiana e fenogliana. È docente di Antropologia culturale e rettore nell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, Pollenzo, Bra. È autore di numerosi studi tra i quali: Il calendario rituale contadino (1993) e Tempi grassi, tempi magri (1996). Ha curato diverse opere: Rivoltare il tempo (1997), Bestie, santi, divinità. Maschere animali dell’Europa tradizionale (2003), Il corpo e la festa (2004), Parlandone da vivo (2007) e Il teatro della vita (2009). Ha inoltre documentato la memoria delle culture orali, conducendo indagini di antropologia visiva e realizzando archivi multimediali (www.atlantefestepiemonte.it e www.granaidellamemoria.it).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy