Il cielo cade

Il cielo cade

Tradotto in: Germania C. Bertelsmann Verlag, Giappone Ta-Ke Shobo.

Penny e Baby vivono l'ultimo tempo del fascismo. Sono bambine e la mitologia propugnata dalla propaganda fascista è l'unico schema che hanno a disposizione per incanalare esperienze e dolore.

Penny e Baby - le due bambine dal cui punto di vista e con le cui parole è narrato l’ultimo tempo del fascismo, con la guerra vicina alla grande villa dove vivono e l’irrompere brutale della persecuzione antisemita contro lo zio che, loro orfane, le ha adottate (o meglio: che loro hanno adottato come padre) - non hanno una spiegazione generale del mondo. Posseggono, però, una mitologia, ricca di una miriade di figure prese dal catechismo, dalla propaganda fascista a scuola, dai giochi con i contadini, dalla vita col grande zio e i suoi ospiti: da essa non è esclusa la giustizia, la vendetta, il male e il bene. Ma è rigorosamente esclusa la Storia con le sue ragioni: e prima di tutto, quindi, la guerra e la persecuzione in nome di qualsiasi cosa esuli dall’esperienza e dalla vicinanza. Sicché, quando la razionale idiozia della guerra piomba e lacera le vite ordinate che stanno loro vicine, Penny e Baby incapsulano il dolore come entro una parentesi di buio, oltre la quale subito la mitologia della loro infanzia riprende. Al suo apparire, nel 1961, questo libro di Lorenza Mazzetti ebbe lodi e premi («Di altri romanzi provenienti dal mondo dell’infanzia si è detto che sono pronunciati come da un albero che parli, rimanendo albero. Per Il cielo cade questo miracolo rimane eccezionalmente vero», ne disse Giacomo Debenedetti, motivando il Premio Viareggio che al libro si conferiva). Trent’anni fa, meno di oggi probabilmente si aveva familiarità con lo spettacolo dei bambini dinnanzi all’esperienza dell’orrore. Eppure, nella sua magica e poetica semplicità, Il cielo cade conteneva come un'idea da farne il nucleo per un nuovo patto di civiltà: dalle possibilità della Storia sia bandito tutto quello che un bambino non può spiegare, entro la sua mitologia.

1993

La memoria n. 282

176 pagine

EAN 9788838909443

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Lorenza Mazzetti, nata a Roma, ha vissuto l’infanzia in Toscana, nella villa della famiglia della zia paterna, sposata a Robert Einstein, cugino di Albert. Ha scritto Il cielo cade (Premio Viareggio del 1962, pubblicato da questa casa editrice nel 1992, da cui è stato tratto il film nel 2000) che narra di quell’infanzia. Regista cinematografica, ha fondato con Lindsay Anderson, Karel Reisz e Tony Richardson il «Free Cinema Movement», esperienza narrata in Diario londinese (2014). Oggi dirige a Roma il Puppet Theatre.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy