Le città di carta

Le città di carta

Le immagini delle città attraverso le narrazioni e le descrizioni dei grandi scrittori.

La Roma di Pasolini e Belli; la Parma di Malerba; la Palermo siciliana di Sciascia e Tomasi; la Venezia dei romantici, di Mann e Proust; la Milano di Savinio e Stendhal e Buzzati; e poi: la città dei poeti, le città immaginarie alla Calvino, città-paesaggio o la città-storia o la città-monstre del moderno, la città come ritratto dell'Altro per l'immigrato. Questo libro indaga i rapporti della letteratura con la città e i modi in cui autori - romanzieri e poeti - hanno fatto giocare alla città un ruolo nella loro narrativa, le hanno fatto occupare uno spazio, recitare una parte. I modi in cui - secondo la frase epigrafica di Savinio che potrebbe essere titolo a questo testo - hanno ascoltato il cuore della città. Ma la prospettiva da cui questa analisi muove non è quella attesa, di tipo storico-sociologico o biografico. Gli autori la definiscono imagologica, assumendo cioè l'immagine come entità data e analizzandola per sé, personaggio da interpretare, raffigurazione da valutare, senza ricorrere a elementi extraletterari. L'immagine è posta al centro della narrazione a riguardarla nei particolari, a entrare nell'intimo della sua figura, a sporgersi dal suo profilo narrativo per osservare il testo. E svela com'esso è costruito e, anche, il suo valore estetico: spiega il piacere del testo.

Autore

Gianni Puglisi è Professore di Letteratura comparata presso l’Università IULM, della quale è Rettore. Studioso di formazione storico-filosofica, è autore di numerosi saggi e articoli. Si è occupato di poetica e retorica classica e di estetica e semiotica contemporanea, in particolare di strutturalismo e di critica letteraria e filmica. Fra le sue numerose pubblicazioni, si ricordano, con questa casa editrice, I modi della moda (2001) e Il grado zero dell'immagine (2007) con Paolo Proietti. Insieme a Tullio Gregory, dirige l’Enciclopedia della Moda della Treccani. Giornalista, dirige la Scuola di Giornalismo IULM e la rivista «Lingua e Letteratura». È componente del Board of Guarantors dell’Italian Academy for Advanced Studies in America della Columbia University di New York.        

Paolo Proietti è Professore di Letteratura comparata presso l’Università IULM di Milano. Studioso di formazione comparatistico-letteraria (in particolare di Letterature francese, delle Isole Britanniche e Scandinave), è autore di studi e saggi nell’ambito della letteratura di viaggio e dell’imagologia. Fra le sue altre pubblicazioni, si ricordano, con questa casa editrice, Irlandesi (1999), Il grado zero dell’immagine (2007) con Gianni Puglisi, Paradossi del Novecento. Influenze e ricezioni letterarie (2004), L’Europa nel terzo millennio. Identità nazionali e contaminazioni culturali (2004), Specchi del letterario: l'imagologia (2008). Ha curato, insieme a Gianni Puglisi, l’edizione italiana di Letteratura comparata (2001-2002), in tre volumi, nonché Lineamenti di letteratura europea, in due volumi, (2005-2006), presso l’editore Armando. È Direttore della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici «Carlo Bo».

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy