Cose di Sicilia e di siciliani

Cose di Sicilia e di siciliani

Giorgio frasca Polara, con la mano lieve ma l'ironia raffinata del giornalista di razza e di lunga carriera, disegna una guida ai misteri della Sicilia.

«In questi racconti ho voluto provare a narrare, per quel che so, lo spirito pubblico di questa nazione, attraverso cronache, fatti, episodi che ho conosciuto o vissuto nel corso della mia vita e del mio lavoro (quasi) cinquantennale di cronista. Non so, in verità, se questa nazione esista davvero, e non so neppure se esista questo spirito pubblico; o se la sicilianità/sicilitudine sia una pura invenzione letteraria o politica, o sia l'"ideologia" che serve a giustificare da un lato il separatismo e dall'altro il razzismo del Nord. Io so che esistono, e sono veri, i siciliani. E sono veri i fatti che racconto». Attraverso questi fatti da cui emergono ritratti e situazioni che non possono essere che siciliani (almeno prima degli anni in cui «la palma - come diceva Sciascia - cominciasse a risalire la penisola»), Giorgio Frasca Polara, con la mano lieve ma l'ironia affilata di un giornalista di razza e di lunga carriera, disegna una guida ai misteri della Sicilia. Una guida ai misteri del luogo probabilmente più misterioso per un giornalista, per un osservatore, per un opinionista che debba riferire e spiegare, a chi siciliano non è, cosa accade nell'Isola e soprattutto come i siciliani reagiscono a ciò che accade. Un paio di stragi mai chiarite (ma passate lisce in tribunale); due o tre falsi cherchez la femme a nascondere realtà politicamente pericolose: e per tutti il caso Tandoy che scosse l'Isola e la Democrazia Cristiana anni Sessanta; catastrofi naturali e provocate dall'incuria, che non solo il malgoverno non pagò ma riuscì addirittura a trasformare in lucrosi affari: così la frana di Agrigento o il terremoto del Belice. E poi personaggi: dall'ultimo capo della vecchia mafia che va al confino, all'ultimo cardinale per cui la mafia non esisteva. Una intervista a Sciascia. Inchieste «vecchio stile»: sull'epopea triste e grandiosa dell'emigrazione dal Sud. E pur dietro il dramma, il giornalista col gusto di narrare, come Frasca Polara, vede affacciarsi sempre la smorfia della farsa. Con la stessa duplicità, con la stessa ambiguità, dell'odio amore di chi assiste da siciliano e da osservatore alle cose della Sicilia e dei siciliani.

Autore

Giorgio Frasca Polara (Roma, 1937) è giornalista. Per questa casa eidtrice ha curato l'edizione critica, con riproduzione del manoscritto, del Memoriale di Yalta di Togliatti (1988), e pubblicato La terribile istoria dei frati di Mazzarino (1989).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy