Cronaca turca ovvero Memorie di un giannizzero

Cronaca turca ovvero Memorie di un giannizzero

Lingua originale: ceco
Traduzione di Angiolo Danti
Titolo originale: Kronikà Tureckà
A cura di Alda Giambelluca Kossova
Note di Marco Clementi

Konstantin, giovane serbo, rapito e arruolato a forza tra i giannizzeri, racconta, l'assedio e la caduta di Costantinopoli nel 1453.

Konstantin di Ostrovica venne rapito dai Turchi intorno ai vent'anni e arruolato a forza tra i giannizzeri. Poté così assistere da testimone e protagonista a tutte le imprese che sotto Maometto II (1429-1481) portarono gli Ottomani a risalire come conquistatori i Balcani. Le sue memorie, particolarmente, documentano del clima di clamore e di sorpresa dei contemporanei intorno a due elementi di quell'impresa: la repentina caduta di Costantinopoli nel 1453, e l'emergere della figura leggendaria del giovane conquistatore, Maometto II, che incarnava agli occhi dell'Occidente l'efficienza irresistibile di un nuovo dispotismo statuale. «Da Costantino il Grande voluta - scrive la curatrice delle Memorie di un giannizzero, qui nella traduzione del celebre filologo slavista Angiolo Danti - Costantinopoli, la Nuova Roma o Roma seconda, cinta d'assedio da Maometto II il 5 aprile del 1453 capitolava, dopo disperata difesa, il 29 maggio. Fra lo sgomento generale e la dilagante incredulità, ingenerati dalla notizia del crollo, rapida si insinuò l'idealizzazione del giovane conquistatore, alimentata anche dalla vasta fioritura di leggende popolari. L'eco delle doti di Maometto II non mancò di impegnare anche diverse menti illustri dell'Europa colta del Cinquecento. "Tutta gente, chiosava Danti, che scriveva per convincere re ed imperatori cristiani a far la guerra 'contro il turco', come si diceva allora, ma che d'altra parte e per certi aspetti, non poteva non lodare l'organizzazione dello stato turco"».

2001

La nuova diagonale n. 39

184 pagine

EAN 9788838917226

Non disponibile

Autore

Konstantin z Ostrowicy, o Konstantin di Ostrovica, poco più che ventenne fu rapito dai Turchi alla natia Serbia per essere arruolato nel corpo dei giannizzeri. Visse esperienze terrificanti, per lui, ed affascinanti soprattutto per chi oggi possa godere la lettura delle sue memorie, che la traduzione di lingua ceca tramandata sotto il nome di Kronikà Tureckà (Cronaca turca), mentre quella di lingua polacca col più fortunato titolo di Pamietniki Janczara, ovvero Memorie di un giannizzero. Nato, si calcola, intorno al 1430 conobbe il vero battesimo dell'uomo d'arme sotto le mura di Costantinopoli. Apparteneva al contingente di mille e cinquecento cavalieri, inviati dal despota serbo Giorgio Branković, vassallo dell'imperatore ottomano, a Maometto II che ne aveva inoltrata richiesta per muovere contro Qaraman. Utilizzò, invece, quelle forze per espugnare la capitale bizantina.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy