I Daneu. Una famiglia di antiquari

I Daneu. Una famiglia di antiquari

Nota di Leonardo Sciascia

Il racconto costruito su memorie di una famiglia di sloveni trapiantati nella Palermo belle époque: «direi con una naturalezza, una sicurezza, una scioltezza, che sembrano venire da un processo di identificazione» (Leonardo Sciascia).

Una memoria e una storia - una storia costruita su memorie - di una famiglia triestina di sloveni trapiantati a Palermo dalla fine dell'Ottocento, e qui inventori e titolari di una bottega antiquaria diventata un'istituzione. I Daneu ebbe una prima uscita, nel 1981, con altro editore e con un'appendice che in questa nuova edizione la Lavagnino ha ampliato in un capitolo autonomo. Lo apriva una prefazione di Leonardo Sciascia, qui riproposta come Nota al volume. Nella prosa sicura ed elegante della scrittrice di Una granita di caffè con panna e, più tardi, delle Bibliotecarie di Alessandria, Sciascia leggeva, e apprezzava, una cronaca - di persone, di luoghi, di atmosfere, di una città scomparsa : la Palermo belle époque - di quelle che gli erano affini. E gli piacque anche perché «l'ultima dei Daneu» egli aveva frequentato: «La signora Daneu aveva discrezione e ironia. E così penso abbia scritto le memorie della sua famiglia e della sua vita: con tanta discrezione e ironia che, di fatto, non le ha scritte; lasciando materia a che altri le scrivesse. Le ha scritte Alessandra Lavagnino: e direi con una naturalezza, una sicurezza, una scioltezza che sembrano venire da una specie di processo di identificazione. È la scrittura di una scrittrice: ma mi pare di ritrovarvi, narrante, la voce della signora Daneu. Una storia familiare si è così dilatata nella storia, è diventato ciclico racconto di un'avventura che corre dall'epoca napoleonica alla nostra, dai confini dell'impero absburgico ai luoghi dove il cedro fiorisce, da un'osteria di Opčina a un negozio di antiquariato in un palazzo di corso Vittorio Emanuele, a Palermo».

Autore

Alessandra Lavagnino, nata a Napoli, ha insegnato Parassitologia nell'Università di Palermo ed è specialista in insetti vettori di malattia. Oltre alle pubblicazioni scientifiche ha scritto un gran numero di opere di narrativa tra romanzi (I lucertoloni, 1969; Il fantasma nel sole, 1973), racconti e favole per riviste, racconti divulgativi (Belli di mamma,1997), e riscritture in Italiano (Heidi, I pattini d'argento, Orgoglio e pregiudizio). Della Lavagnino questa casa editrice ha pubblicato Zanzare (1993), Una granita di caffè con panna (2001), Le bibliotecarie di Alessandria (2002), I Daneu. Una famiglia di antiquari (2003), Un inverno 1943-1944 (2006) e La mala aria (2010).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy