Diderot, mio padre

Diderot, mio padre

Lingua originale: francese
Traduzione di Nicola Sallustio
Titolo originale: Mémoires pour servir à l'histoire de la vie et des ouvrages de Diderot
A cura di Giuseppe Scaraffia

L'amata terzogenita, del filosofo dell'Ancien Régime, consegna al ricordo la parte migliore della vita del padre.

Pubblicati nel 1813 in Germania, dopo essere circolati a lungo manoscritti, i Mémoires pour servir à l'histoire de la vie et des ouvrages de Diderot, furono composti poco dopo la morte del filosofo. Madame de Vandeul, terzogenita di Diderot, li redasse in un semplice stile non letterario, da cronaca settecentesca, e la storia di lei suggerisce che a queste pagine consegnasse anche il ricordo della parte migliore della sua vita. Figlia devota e amata, del padre condivise idee ed entusiasmi sotto l'Ancien régime; nel nuovo andò sposa di un ricco e buon industriale e condusse vita spenta. Per questo forse, dagli episodi rievocati, il ritratto di Diderot sembra uscire dalla storia: generoso, coraggioso bohémien, in lotta contro il potere conformista d'ogni epoca e regime.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy