I disincantati

I disincantati

Lingua originale: inglese
Traduzione di Vincenzo Mantovani
Titolo originale: The Disenchanted
Nota di Giuseppe Scaraffia

Uno scrittore grande e dimenticato, dietro il quale è facile riconoscere Francis Scott Fitzgerald, che ha avuto tutto, ed è stato travolto assieme a un mondo lussureggiante dalla crisi del ’29, si lascia umiliare e consumare nel corpo e nella dignità in un ultimo infimo lavoro da sceneggiatore di filmetti. Il tramonto di un mito degli anni Venti in un romanzo bellissimo e amaro.

Il proprio destino di scrittore Budd Schulberg l’affidò a una specie di scabra epopea dell’America amara. Figlio del tycoon della Paramount, e lui stesso, per un certo tempo, prediletto di Hollywood (da sue opere, vengono capolavori del cinema come Il colosso d’argilla e Fronte del porto e sua è la sceneggiatura di Un volto nella folla), ma anche comunista inciampato nelle reti del Mccarthismo, spesso e volentieri elesse il mondo di Hollywood quale osservatorio ideale. I retrobottega degli studios, scenari simbolici, per il mescolarsi in loro di patina dorata e durezza sostanziale, della leggenda americana frenetica e impietosa. E a questa e al suo rovescio, sono dedicati due romanzi. Il primo, Perché corre Sammy?, racconta il farsi della leggenda: un piccolo fattorino ebreo sempre di corsa che diventa un potente produttore, sacrificando ogni cosa d’umano alla sua assetata ambizione. Il secondo, questo I disincantati, al contrario si concentra sul come muore, in America, una leggenda. Uno scrittore grande e dimenticato, che ha avuto tutto, ed è stato travolto assieme a un mondo lussureggiante dalla crisi del ’29, si lascia umiliare e consumare nel corpo e nella dignità in un ultimo infimo lavoro da sceneggiatore di filmetti. Dietro l’opera di Schulberg c’è sempre l’autobiografia, e dietro I disincantati c’è l’incontro reale con Francis Scott Fitzgerald, leggenda vivente e osservata mentre muore. «È successo che a Hollywood, nel 1939, il produttore non era soddisfatto di una mia sceneggiatura e mi aveva fatto chiamare per avvertirmi che avevano messo un altro a lavorare su ciò che avevo scritto. Avremmo dovuto rivederla insieme. Quando ho chiesto chi fosse, mi ha risposto che era Francis Scott Fitzgerald. Ho pensato che scherzasse, perché credevo che Fitzgerald fosse morto, ma il produttore mi disse che non soltanto era vivo, ma si trovava nella stanza accanto, intento a leggere il mio lavoro».

Autore

Budd Schulberg (New York, 1914-2009) ha scritto narrativa, reportage, sceneggiature, spesso incentrati sugli aspetti più duri della vita metropolitana; come sceneggiatore ha legato il suo nome a capolavori, quali Fronte del porto (1954, Oscar 1955 per la sceneggiatura) e Un volto nella folla (1957), entrambi diretti da Elia Kazan. Questa casa editrice ha pubblicato Perché corre Sammy? (2005) e I disincantati (2007).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy