I dispiaceri del Cardinale

I dispiaceri del Cardinale

Lingua originale: francese
Traduzione di Ettore Janni
Titolo originale: Apologie, ou les véritables mémoires de madame la Connétable de Colonna Maria Mancini, écrits par Elle-même
A cura di Daria Galateria

Maria ed Ortensia Mancino, nipoti del cardinale Mazzarino vivono alla corte del Re Sole. Ortensia è bella, Maria innamorerà Luigi XIV.

I ricordi di Maria Mancini furono editi nel 1678, col titolo Apologie, ou les véritables mémoires de madame la Connétable de Colonna Maria Mancini, écrits par Elle-même. Vennero scritti in seguito a delle memorie apocrife pubblicate qualche anno prima, contenenti insinuanti accenni a «galanterie». Maria le smentisce, ma l'insistenza - «apologie», «véritable» - può chiamare altre cause: che siano una risposta anche ad altri mémoires, quelli pubblicati nel 1675 dalla sorella Ortensia duchessa di Mazzarino, in cui la Connestabile compare figura di secondo piano, scialba quasi; e forse non fortuitamente. Ortensia e Maria erano nipoti del potente Cardinale Mazzarino, ed entrambe vissero alla Corte del Re Sole. Ma Maria - di piccola nobiltà; non bella: «brutta, bassa, grassa, con un'aria da bettoliera, ma il brio e l'intelligenza di un angelo», ne dice un contemporaneo - divenne l'amore del Gran Re, il primo e forse l'unico vero. «Non della più bella Mancini (Ortensia), ma di lei» s'innamorò Luigi XIV - scrisse un'altro contemporaneo - e fu il primo dispiacere che la nipote diede al Cardinale, che voleva il sovrano in quel frangente libero di cuore. L'animo selvaggio e nobile, la natura libera di Maria diedero poi molti altri dispiaceri, e le avventurose vicende, le fughe, i motti celebri, gli intrighi, che ne furono origine corrono questo libro; che invece tratta quel grande amore con elegantissima discrezione. E questa discrezione torna splendida nelle ultime disposizioni di Maria. Chiede di essere seppellita nel posto qualunque dove sarebbe morta (in nessun luogo se non a Versailles); e cita «un filo di perle, di grande valore»: è il dono, fastoso e clamoroso, che le fece Luigi all'atto del forzato congedo. Per lei rimase il simbolo di una vita diversa, per la storia, forse, di una diversa direzione: «Il cielo - fu detto di lei - le ha conferito tanto spirito da poter regnare sui cuori dei più potenti spiriti d'Europa; e quel che voglio dire è fintroppo noto senza che dia ulteriori spiegazioni».

1987

La memoria n. 152

200 pagine

EAN 9788838904066

Non disponibile

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy