La famiglia Schopenhauer. Carteggio tra Adele, Arthur, Heinrich Floris e Johanna Schopenhauer

La famiglia Schopenhauer. Carteggio tra Adele, Arthur, Heinrich Floris e Johanna Schopenhauer

Lingua originale: tedesco
Traduzione di Ingrid Harbeck
Titolo originale: Die Schopenhauers. Der Familien-Briefwechsel von Adele, Arthur, Heinrich Floris und Johanna Schopenhauer
A cura di Ludger Lütkehaus

Il carteggio della famiglia del grande Schopenhauer, il filosofo «della volontà», offre un vivo ritratto di un'epoca e della sua cultura.

La famiglia Schopenhauer: il padre, Heinrich Floris; la madre, Johanna; la figlia minore, Adele; il figlio Arthur, il filosofo del nulla e del dolore della vita. In sé, il carteggio familiare di un sommo filosofo - di un vero e radicale rivoluzionario nella storia del pensiero - non ha necessariamente niente di più attraente di un qualunque carteggio familiare, se non per il biografo e il filologo. Ma la famiglia Schopenhauer, cui questo carteggio di cinquant'anni (dal 1799 al 1849) rinnova la voce, fu eccezionale: rappresentativa di un sentimento della vita (che riecheggia nel nichilismo del filosofo); di una vicenda che rassomiglia ai capitoli finali di un romanzo di Thomas Mann (che quella filosofia amò). Il padre, grande borghese e repubblicano («nessuna felicità senza libertà» era il motto familiare), fu suicida, per ragioni ignote. La famiglia ebbe una lunga decadenza economica, parallela a una specie di rinascimento spirituale, ma nel nome della dispersione e della disperazione. La madre, Johanna, fu scrittrice e traduttrice, mantenne un salotto letterario di cui Goethe era il patriarca; e restò per i figli sideralmente lontana; la sorella Adele, geniale e brutta, scrisse romanzi e dei diari in cui il rovello del mal di vivere rielabora una specie di filosofia del pessimismo cosmico, e morì giovane di un male che sembra simbolo e contrappasso della sua condizione umana. Il figlio da tutti si tenne lontano, sprezzante e misantropo come da leggenda, infittendo però la lontananza fisica coi fili spessi di un carteggio sarcastico e amaro, che lo fanno uno dei maggiori scrittori di lettere della letteratura tedesca. Ed è perfetta di questo carteggio la definizione datane dal suo curatore, Ludger Lütkehaus: «un processo alla vita».

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy