La fermezza del saggio

La fermezza del saggio

Lingua originale: latino
Titolo originale: De constantia sapientis
A cura di Gavino Manca
Seguito da La morte di Seneca di Tacito

In forma di dialogo, Seneca stende l'esaltazione del saggio stoico e della sua apatia.

Lucio Anneo Seneca scrisse il dialogo De constantia sapientis nel 58 d.C., indirizzandolo al suo pupillo Sereno, prefetto delle guardie imperiali, per esortarlo a una stoica apatia. L'animo del vero saggio, vi si argomenta, resta impassibile di fronte alle offese immeritate e alle ingiustizie subite.

Autore

Lucio Anneo Seneca (4 a.C.-65 d.C.) scrittore latino, aderì, in seguito alla delusione politica, alla filosofia stoica che ispirò gran parte delle sue opere: De ira, De tranquillitate animi, De otio, De clementia, ecc.. Questa casa editrice, di Seneca, ha pubblicato La vita felice (1988) e Alla madre (1997).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy