La fiera del Nigrò. Viaggio nella Sicilia linguistica

La fiera del Nigrò. Viaggio nella Sicilia linguistica

Un viaggio ideale per la Sicilia attraverso la lingua. Il dialetto siciliano nelle sue varietà diatopiche e nella sua stratificazione diacronica.

L'attenzione costante per i fatti di lingua relativi alle varie parlate della Sicilia, in correlazione con i fatti di cultura, ha dato luogo ai cinquanta «racconti» che costituiscono questo libro. «Racconti», appunto, perché destinati al lettore colto non specialista, al lettore curioso della storia linguistica della Sicilia, sulla quale esiste poco di scientificamente valido destinato a larga diffusione. Campo di osservazione il siciliano nelle sue varietà diatopiche e nella sua stratificazione diacronica. Il lettore è accompagnato in un viaggio ideale per la Sicilia. Viaggio nel tempo e nello spazio: la Sicilia greca e quella latina, la bizantina e l'araba e la normanna, fino alla Sicilia contemporanea, in cui il confronto linguistico avviene tra il siciliano e l'italiano. Nel parlato, come nella scrittura letteraria. Attraverso la lingua, si accede alla Sicilia cristiana e a quella musulmana, alla Sicilia ortodossa e a quella eretica, alla Sicilia contadina e a quella urbana, alla Sicilia tradizionale e a quella moderna. Né manca, in questo viaggio, una sosta tra gli arcipelaghi  delle minoranze: i Galloitalici di provenienza settentrionale e gli Albanesi, che della storia linguistica dell'isola a buon diritto fanno parte. Di questo ideale e particolarissimo viaggio, testimone privilegiato è il lessico, deposito attivo di una cultura che a una tradizione sempre aperta al nuovo affida il futuro.

2006

Nuovo prisma n. 68

192 pagine

EAN 9788838921261

Non disponibile

Autore

Salvatore C. Trovato è ordinario di Linguistica generale nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Catania. Si occupa particolarmente di lessicografia e lessicologia dialettali, toponomastica, interlinguistica, minoranze linguistiche. La Sicilia è il suo privilegiato campo di osservazione. Per quel che riguarda la lessicografia ha portato a compimento il grande Vocabolario siciliano (5 volumi pubblicati dal Centro di studi filologici e linguistici siciliani, 1977-2002) fondato da Giorgio Piccitto e dirige il «Progetto Galloitalici». Nel campo della toponomastica ha pubblicato numerosi contributi, alcuni dei quali raccolti in volume (Saggi di toponomastica nicosiana, Nicosia 1997). Da ricordare anche, tra i suoi saggi, I dialetti galloitalici della Sicilia, contenuto nel «Lexicon der Romanistischen Linguistik», Tübingen 1998 e Sicilia [linguistica], nel volume «I dialetti italiani. Storia Struttura Uso», Torino 2002.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy