La forma della sorte

La forma della sorte

Una delle più commoventi narrazioni di Palermo. E un racconto che non ha paura di mescolare lo sguardo soggettivo del narrante, la forza delle proprie emozioni vitali, con le mille storie raccontate. Cioè di raccontare, in realtà, uno sguardo che passa malinconicamente su una città malinconica. 

Mario Giorgianni è morto nel 2011. Ha lasciato inedito questo singolare romanzo che racconta una città, Palermo, come forse non si è fatto mai: come una città di fantasmi. Ectoplasmi urbanizzati (un po’ come quelli di Buzzati) che non hanno bisogno di situazioni gotiche per apparire, ma che della città, causa il suo stratificarsi nel tempo e nello spazio, sono i naturali abitanti. E anche solo l’uso funzionalmente narrativo dei nomi autentici delle vie e dei luoghi (nomi segreti, di fatto, spesso sconosciuti o storpiati dai cittadini stessi e che raramente si trovano nei libri), in se stessi fantastici e fantasmagorici, dà l’effetto di una sorta di città occulta, sviluppatasi indipendentemente per ospitare diverse dimensioni dell’esistenza.
È in esse che circola l’io narrante. «Un fallito» si definisce spietatamente, ma si capisce che è solo il primo dei fantasmi. Il primo, come i suoi personaggi – la prostituta bambina; il mastro Rosario e la sua vendetta; Paolo Blundo il cuoco dell’Ucciardone; la Matriarca della baracca della pergola; il rigattiere di libri; Ario Baresinò il veggente; l’antiquario dei libri; gli amici scomparsi e tutti gli altri – il primo incapace di stare bene dietro la maschera di realtà in cui si sforza, fallimentarmente, di vivere la città civile e delle carriere. È un architetto che insegna all’università. Ha un progetto di lavoro da sviluppare. Incappa in un imbroglio di fantasmi veri e di incappucciati, che forse tessono e nascondono una speculazione intorno all’enorme e antichissimo ex Monastero – «è presumibile che nelle cripte della Martorana siano conservati i resti di almeno cinquecento cadaveri» – dove ha sede la facoltà di Architettura. Ma il compito che sente veramente suo è quello di tentare di sistemare – tra se stesso e la realtà – i suoi cari tanti fantasmi. Prima di morire.
Ne esce una delle più commoventi narrazioni di Palermo. E un racconto che non ha paura di mescolare lo sguardo soggettivo del narrante, la forza delle proprie emozioni vitali, con le mille storie raccontate. Cioè di raccontare, in realtà, uno sguardo che passa malinconicamente su una città malinconica.

2012

La memoria n. 908

112 pagine

EAN 9788838927706

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Mario Giorgianni (1945-2011), architetto, è nato e vissuto a Palermo, dove ha insegnato Progettazione e Composizione alla Facoltà di Architettura. Ha scritto saggi sulla storia delle città e sul paesaggio della Sicilia. Con questa casa editrice ha pubblicato: La pietra vissuta. Il paesaggio degli Iblei (1978), Il taglio di via Roma (2000), Ricerca e didattica nella progettazione architettonica (2004), La forma della sorte (2012), La società della serra (2013) e ha curato insieme ad Antonio Santamaura l’opera di Vincenzo Di Giovanni Palermo Restaurato(1989).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy