La giornata di Luigi XIV

La giornata di Luigi XIV

Lingua originale: francese
Traduzione di Maria Delogu
Titolo originale: La journée de Louis XIV. 16 novembre 1700
Nota di Daria Galateria

«La giornata di Luigi XIV, nella sua regolarità, è stata descritta numerose volte – avverte l’autrice in Premessa – : da Primi Visconti, da Dangeau, da Sourches, da Spanheim, da Saint-Simon. Tuttavia, questi testimoni si rivolgevano ai contemporanei e omettevano quindi di parlare di ciò che era noto a tutti ma che noi ignoriamo». Inoltre l’iconografia, i quadri e i ritratti, «con la scusa di celebrare un avvenimento speciale» spesso finivano col non rappresentare la semplice quotidianità del sovrano. Insomma, ciò che manca sono spesso i dettagli, troppo ovvi per essere riportati. Ma sono appunto questi dettagli – il significato perduto di un gesto, l’uso di un oggetto dimenticato, la sensazione diversa del tempo e dello spazio, un modo di rivolgersi all’aiutante o al subordinato, la smorfia o il profilo di famiglia di un viso, un’ambizione oggi inspiegabile, un onore o uno sgarbo, le modalità di un’attesa, il fantasma del passato in un’esistenza, presenze e assenze avvertite – a dare la continuità vissuta, la vivacità del quotidiano. L’autrice li rintraccia, tramite ciò che ha definito una «caccia» e un gioco, e li usa come il filo per ricucire in un’unica trama di momento in momento le scene e i dialoghi desunti da tutte le cronache, le più note e le più segrete. «La giornata più bella di Luigi XIV» a Versailles è il 16 novembre del 1700. Il testamento del re di Spagna Carlo II ha designato per la successione alla corona Filippo d’Anjou, il nipote del Re Sole, un diciassettenne biondo e riservato, col naso dei Borbone, ed è giunto il momento della proclamazione. La Spagna sta per passare di mano dagli Asburgo ai Borbone. Seguiranno i 13 anni della guerra di Successione spagnola, prima che il pretendente salga al trono col nome di Filippo V, ma intanto sembra realizzato il sogno di «riunire i Pirenei». E attorno all’attesa e all’evento glorioso, da mezzanotte a mezzanotte, si distende il ventaglio della società di corte che ossessivamente riveste ogni minuto e ogni atto privato con la sua etichetta: il macchinario umano forse più artificioso della storia.

2006

La memoria n. 682

183 pagine

EAN 9788838921155

Non disponibile

Autore

Béatrix Saule è conservatore capo del castello di Versailles. Specialista del periodo ha scritto romanzi e sceneggiature storiche sulla vita e i tempi di Luigi XIV.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy