Il grado zero dell'immagine

Il grado zero dell'immagine

Un’indagine gnoseologica che insegue il grado zero, ovvero il punto di partenza, la forma universale indipendentemente da stili e linguaggi particolari, dell’immagine dell’Altro, e quindi dei modi in cui ciascuna letteratura (e cultura) si rispecchia nell’altra.

L’imagologia – disciplina a cui questo scritto appartiene – è lo studio dei vari fenomeni connessi all’immagine di una cultura osservata dal punto di vista dell’Altro: i cliché, gli stereotipi, i pregiudizi ricorrenti quando una cultura ne guarda un’altra. Dunque, l’imagologia è un cardine dello studio delle letterature comparate. Il saggio di Puglisi e Proietti è un’indagine gnoseologica; essa insegue il grado zero, ovvero il punto di partenza, la forma universale indipendentemente da stili e linguaggi particolari, dell’immagine dell’Altro, e quindi dei modi in cui ciascuna letteratura (e cultura) si rispecchia nell’altra. «La letteratura – scrivono gli autori – è la via più autentica per pervenire all’inveramento della conoscenza nella vita dell’uomo, la ricerca a ritroso dell’autenticità dell’immagine, finisce nell’individuazione di forme letterarie primordiali, che se da sole non consentono alcun avanzamento nella conoscenza universale, nella loro intelaiatura comparatistica rendono ragione della molteplicità delle culture e della unicità dell’uomo. Letteratura comparata non è assolutamente il mix critico, tematico, genealogico o altro tra due o più storie o tradizioni letterarie, è qualcosa di più intrinseco, che mette in campo principi, concetti, teorie e apparati critico-ermeneutici, distinti da un proprio sistema culturale e da propri codici epistemologici di riferimento. Si scrive per dare agli Altri la possibilità di incontrarci e di conoscerci, a noi il piacere di raccontarci, ad entrambi il senso della libertà».

Autore

Gianni Puglisi è Professore di Letteratura comparata presso l’Università IULM, della quale è Rettore. Studioso di formazione storico-filosofica, è autore di numerosi saggi e articoli. Si è occupato di poetica e retorica classica e di estetica e semiotica contemporanea, in particolare di strutturalismo e di critica letteraria e filmica. Fra le sue numerose pubblicazioni, si ricordano, con questa casa editrice I modi della moda (2001), Il tempo della crisi (2015) e, con Paolo Proietti, Le città di carta (2002) e Il grado zero dell'immagine (2007). Insieme a Tullio Gregory, dirige l’Enciclopedia della Moda della Treccani. Giornalista, dirige la Scuola di Giornalismo IULM e la rivista «Lingua e Letteratura». È componente del Board of Guarantors dell’Italian Academy for Advanced Studies in America della Columbia University di New York.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy