Icone d'oggi

Icone d'oggi

Lingua originale: francese
Traduzione di Roberta Ferrara
Titolo originale: Iconologies. Nos idol@tries postmodernes
Prefazione di Gianni Puglisi

Il teorico del neo-tribalismo indaga nell’universo delle icone d’oggi: i miti, nella società che torna a un nuovo incanto, neoidolatrica, non sono più false immagini ma fanali che indicano il cammino collettivo.

«Si dice che siano i sogni a far crescere i bambini. Non solo quelli del resto. Di certo i miti, cristallizzazione dei sogni collettivi, permettono a una società di essere quel che è». Michel Maffesoli, il fondatore della «sociologia del quotidiano», il teorico del neo-tribalismo, asserisce un nuovo modo di guardare ai lati banali, locali, semplici di quella che una volta si chiamava cultura di massa: «lo sviluppo tecnologico sta dando vita a una fruttuosa sinergia, con il ritorno all’arcaico, con l’esplosione dell’immaginario». Vale a dire che, attraverso la Rete, la comunicazione globale entro cui il cittadino attuale annega senza fondo, riaffiorano le icone dal remoto sostrato del tempo, gli idoli, le immagini archetipiche, e tornano nel loro ruolo riformulato di tenere assieme orizzontalmente i gruppi sociali (le tribù), scacciando tutte le narrazioni razionali con cui la modernità pretendeva sostituirli. Si torna dunque a scrutare i Miti d’oggi, in questo carosello, in questa sarabanda barocca di figure simboliche fluttuanti dalla televisione, da internet, dalle persone virtuali dell’informazione spettacolo (siano l’Abbé Pierre o Zinedine Zidane, passando per la Barba di tre giorni, i Tatuaggi o i Loft). Ma come il Novecento lo faceva per demistificarli, per raschiare la vernice a mostrare dietro il vuoto, qui s’intende svelarne il pieno: i miti oggi, spiega Maffesoli, senza essere «lumi», sono «scintillamenti» che indicano un cammino, individuale e collettivo. Anche della «parte in ombra dell’essere umano». Verso il reincanto del mondo.

Autore

Michel Maffesoli è il fondatore della «sociologia del quotidiano». Ha la cattedra in Scienze Umane all’Università della Sorbonne. È direttore di «Sociétés», rivista internazionale di scienze umane e sociali, e segretario generale del Centre de Recherche sur l’Imaginaire.  Ha fondato il Centre d’Études sur l’Actuel et le Quotidien (CEAQ). Ha pubblicato studi e saggi numerosi sui temi della sua riflessione originale: la condizione postmoderna, il neotribalismo, il nomadismo, l’immaginario, la comunità nella società attuale.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy