L'incredibile storia di un cranio

L'incredibile storia di un cranio

Tradotto in: Francia Editions du Seuil

La giovane biologa catanese Porporina lavora in un centro biologico del Massachusetts con il ricercatore cretese Jehova a un progetto audace: la fusione tra un uccello e un fiore. Un'avventura fantastica e raziocinante dove il mondo vegetale e animale sono pervasi di umanità.

Porporina è una giovane cosmologa siciliana, radiante come un ostensorio. Il trentunenne Jehova è un biologo cretese, un bel «fiore» di malinconia, archivio vivente di memorie ancestrali incompatibili con le irresponsabilità morali della scienza. Iside è una studiosa di innesti di fiori, esotica e segreta come l'oasi libica di Giarabub dalla quale proviene. I tre giovani si incontrano a Cambridge, nel Massachusetts. Collaborano, insieme all'ornitologo israeliano Levis, a un programma del Biological Center della Harvard University diretto dal cattolicissimo Samuel Newton. Sperimentano incroci tra uccelli e fiori, mentre il taciturno Osborne si ingaglioffa nel sogno di rivoluzionare la natura clonando esseri ibridi e arborescenti: alberi-bambini, alberi-uomini, alberi-donne, tutta una selva deforme; un'iradiddio, che metta radici nell'orbe terracqueo: anestetizzandone, insieme agli odi politici, anche gli amori e le commozioni tutte. L'utopia di Osborne progetta la desertificazione delle menti e delle anime. I sei scienziati sono immersi nei fantasmi dei loro nomi. Soprattutto Iside, la psicopompa: come la dea egizia; l'amante che «vagheggia» un teschio: come la Lisabetta del Decameron di Boccaccio. Iside, da un teschio recuperato dalla polvere estinta di un luogo di battaglia, vuol far rinascere Toto, per via di clonazione, partorendolo. La scienza unisce cielo e terra. La «transustanziazione divina» avviene. Con l'aiuto «poetico» del rimatore Burchiello, maestro del nonsenso. E con quello decisivo di Jehova, che così profana la sacralità del tetragramma divino mimato dal suo nome. Il «mostriciattolo» nasce. Jehova ne sente la colpa. E la terra se ne risente. Proiettata verso la liquidazione della «memoria» e verso la deportazione dei vecchi (persino su imbarcazioni falloidi), sottratti al purgatorio della loro «lassa» età di liutai danteschi alla Belacqua. Avviene tutto nell'anno 2005. Raccontato da un narratore che, nel romanzo, si identifica con l'autore. E si dà un ritratto da bambino, in un affresco dipinto sul soffitto della stanza che dentro urne custodisce le soluzioni biochimiche delle menti dei cari defunti. Ha un «mantelluccio di porpora sbilenco sulle spalle». È il figlio del saggio Polidamante, che conosceva l'arte di dar consigli. Ed è nipote di Priamo. Porta alla madre, in una giaretta, «acqua freschissima, misteriosa e divina». Bonaviri è un visionario del linguaggio. Dà al racconto il tono di una favola mediterranea. Il suo sguardo spazioso, tra abissi terrestri, distese marine, e luminosità celesti, impera come sempre sugli elementi; sul vitalismo rigoglioso e panico della natura. Come Apollo, insegue Dafne nell'atto di trasformarsi, di uscire da sé, di diventare cosa da sé diversa. Ma c'è, in questo romanzo, come un senso dolente di nostalgia per la «divina foresta». Al bambino troiano dell'affresco subentra, alla fine, l'immagine di una donna che grida rivolta a Dio e si copre «la testa col peplo di bisso»    Salvatore Silvano Nigro

Autore

Giuseppe Bonaviri, nato nel 1924 a Mineo, in provincia di Catania, è scomparso nel 2009. Primo di cinque figli di un sarto, Bonaviri ha vissuto per anni a Frosinone dove ha esercitato la professione di medico. Fra le sue opere più note, tutte ora pubblicate da questa casa editrice: L’incominciamento (1983), Il dottor Bilob (1994), Il vicolo blu (2003), L’incredibile storia di un cranio (2006), Il sarto della stradalunga (2006), La divina foresta (2008) e Notti sull’altura (2009).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy