L'intreccio delle circostanze. Antologia di racconti giudiziari

L'intreccio delle circostanze. Antologia di racconti giudiziari

A cura di Remo Ceserani

Apparentemente - spiega Remo Ceserani nell'Introduzione a questa raccolta di racconti -, è il romanzo lo spazio esclusivo della narrativa giudiziaria, che consente la piana esposizione degli avvenimenti, l'esame delle prove, e poi il gioco drammatico del dibattimento e la suspence del verdetto: ma vi è - continua - in realtà una specificità di ruoli. Il racconto giudiziario mette a fuoco il momento in cui la verità sensibilmente passa, e su di essa, nell'aula della corte, il pubblico, i giurati, i giudici posano il loro sguardo, avvertito e inconsapevole. Cosa poi sia questo sguardo, il mondo che da esso traluce, dipende dalla poetica e dalle radici dello scrittore. E in questi racconti, sguardi e mondi sono variamente rappresentati: dal pessimismo russo di Čechov, allo scettico siciliano Pirandello, passando per la Frontiera americana, l'Irlanda d'inizio Novecento, la Francia positivista di Anatole France, l'Europa centro-orientale di Čapek, l'Africa del Sud, e andando dall'umoristico al comico, al grottesco, al tragico.

2001

Il gioco delle parti. Romanzi giudiziari n. 14

244 pagine

EAN 9788838916427

Autori

Karel Čapek

Karel Čapek (Malé Svatonovice, 1890-Praga, 1938) scrisse romanzi, opere teatrali, saggi, feuilleton, racconti per bambini. Questa casa editrice ha pubblicato Fogli italiani (1992) e Racconti tormentosi (1992).

Anton Čechov

Anton Čechov (1860-1904), il grande scrittore russo autore di racconti indimenticabili come Il duello e La signora col cagnolino, scrisse questo racconto nel 1883.

Henry Cecil

Henry Cecil (1902-1976) è autore di un gran numero di racconti giudiziari - la prima raccolta, Full Circle, comparve nel 1948, l'ultimo, del 1977, è stato Hunt the Slipper. La critica lo ha definito «il P.G. Woodhouse dei tribunali», per la vena di mosso e bizzarro umorismo presente nelle sue storie.

Anatole France

Anatole France (Parigi, 1844-Saint-Cyr-sur-Loire, 1924; pseudonimo di Anatole-François Thibault), Accademico di Francia e Premio Nobel nel 1921, autore fra l'altro del Delitto di Sylvestre Bonnard (1881), Taide (1890) e dei quattro romanzi che formano il ciclo della Storia contemporanea (1897-1901), scrisse Il castello di Vaux-le Vicomte, racconto storico del destino di Nicolas Foucquet, nel 1888. Di France questa casa editrice ha pubblicato Il procuratore della Giudea (1980) e Crainquebille (1992).

Altri titoli in catalogo

Karel Čapek

Anton Čechov

Henry Cecil

Anatole France

Frank O'connor

Luigi Pirandello

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽