I lampi di agosto

I lampi di agosto

Lingua originale: spagnolo
Titolo originale: Los relámpagos de agosto
A cura di Angelo Morino

«Un romanzo che rappresenta in chiave satirica eroico-burlesca un mondo che molti scrittori messicani avevano presentato in forma epica» (Italo Calvino). Le memorie immaginarie di un generale dell'ultima fase della rivoluzione messicana.

Nel 1964 a Cuba tra i giurati che premiavano questo romanzo del messicano Ibargüengoitia - sua opera prima narrativa - vi era Italo Calvino, che motivava: «Un romanzo che rappresenta in chiave di satira eroico-burlesca un mondo che molti scrittori messicani avevano già presentato in forma epica» e subito dopo aggiungeva: «Il momento della satira è sempre un momento di maturità». I lampi di agosto racconta le imprese di un generale durante l'ultima fase (1928-29) della rivoluzione messicana, quando ormai le folgori di speranza e i fermenti rivoluzionari di popolo, accesi nel 1910 da Pancho Villa ed Emiliano Zapata, sono un ricordo lontano, e in primo piano sono balzate maschere e caricature di generali che si disputano un potere rischioso ed effimero. Josè Guadalupe Arroyo, il protagonista narratore, è una di queste maschere, e Ibargüengoitia finge che gli abbia affidato uno dei numerosissimi memoriali che i suoi pari in carne e ossa dopo la rivoluzione avevano realmente lasciato per giustificarsi con la millanteria o vendicarsi con lo scandalo. Niente eroismo o gloria, e nemmeno più un senso visibile della storia, solo generali scalcagnati, sbornie di retorica e baruffe da osteria. Con quell'effetto di satira matura, perfino nell'epigrafe, in cui il gioco della parodia corre sul filo del «troppo vero per essere vero» ed eleva a parabola generale un romanzo che reca sul fondale fatti e personaggi reali mescolati alla finzione. E il significato generale è quello del ritratto feroce di uno di quei nefasti imbecilli che certi popoli sembrano portare iscritti nel loro destino.

2002

La memoria n. 532

172 pagine

EAN 9788838917738

Fuori catalogo

Autore

Jorge Ibargüengoitia, nato a Guanajuato nel 1922 e morto nel 1983 in un incidente aereo, è stato autore di romanzi tra i più letti in Messico e tradotti in numerose lingue. Tra di essi: Ammazzate il leone (1969), I cospiratori (1981) e pubblicati da questa casa editrice Due delitti (1999), I lampi di agosto (2002) e Le morte (2004).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽