Lettera aperta

Lettera aperta

Tradotto in: Francia Hamy Viviane Èditions
Contiene Ricordo di Goliarda Sapienza di Dacia Maraini

Goliarda sapeva battersi generosamente per una idea, ma sapeva anche sorridere di sé e degli altri con distaccata ironia. I suoi libri portano l'impronta di una straziata e tenera sicilianità: il suo linguaggio ricco, fastoso, tende ad un lirismo barocco tutto sensualità e dolore.

Goliarda Sapienza certamente assomigliava al suo nome che sposa una ardita temerarietà con una dolce saggezza. Così era Goliarda: guerresca e pacifica, aggressiva e mite. Sapeva battersi generosamente per una idea, ma sapeva anche sorridere di sé e degli altri con distaccata ironia. Sapeva difendere con le unghie e coi denti una idea persa o una persona perseguitata ingiustamente ma sapeva anche ritirarsi dietro una finestra per osservare con attenzione silenziosa le persone che passavano per la strada, rimanendo al di là di uno spesso vetro. Quando l'ho conosciuta, forse più di trent'anni fa, era una ragazza snella, con i capelli lunghi sulle spalle, gli occhi grandi, la bocca pronta al sorriso. Aveva conservato, nonostante abitasse a Roma da molti anni, un leggero accento siciliano. Sempre senza soldi, aveva un rapporto col mondo da zingara girovaga e festosa. Continuava a dividersi fra la disperazione e l'entusiasmo. I suoi libri portano l'impronta di una straziata e tenera sicilianità: il suo linguaggio ricco, fastoso, tende ad un lirismo barocco tutto sensualità e dolore. Dacia Maraini

Autore

Goliarda Sapienza (1924-1996) nasce a Catania da famiglia socialista anarchica: il padre Giuseppe, avvocato, fu tra gli animatori del socialismo siciliano fino all’avvento del fascismo; la madre Maria Giudice, figura storica della sinistra italiana - la prima donna, tra l’altro, a dirigere la Camera del Lavoro di Torino - fu in carcere insieme a Terracini nel 1917. A sedici anni, grazie a una borsa di studio per allievi attori, Goliarda approda all’Accademia d’Arte Drammatica di Roma, città nella quale si stabilirà definitivamente. Per alcuni anni è attrice applauditissima in vari ruoli pirandelliani; insieme al suo primo compagno, Francesco Maselli, impara dalla macchina da presa a vedere e scrivere. Ha pubblicato quattro romanzi che fanno parte di un ciclo autobiografico: Lettera aperta (1967), Il filo di mezzogiorno (1969), L’Università di Rebibbia (1983) e Le certezze del dubbio (1987).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy