Lettera a un discepolo

Lettera a un discepolo

Lingua originale: arabo
Titolo originale: Ayyuhâ 'l-walad
A cura di Sante Ciccarello
Prefazione di Francesco Gabrieli

Questo testo, «gioiello della spiritualità musulmana», riflette intorno alla domanda: «Quale conoscenza mi sarà utile dopo la morte?».

Al-Ghazâlî scrisse questo classico della dottrina esoterica del sufismo, quattro anni prima di morire. Ayyuhâ 'l-walad (Lettera a un discepolo) è una elaborazione mistica in forma di dialogo intorno alla domanda: «Quale conoscenza mi sarà utile dopo la morte?».

Autore

Al-Ghazâlî (1058-1111) fu maestro di mistica islamica.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy