La Lettera in un taxi

La Lettera in un taxi

Lingua originale: francese
Titolo originale: La Lettre dans un taxi
A cura di Giuseppe Scaraffia

Una lettera dimenticata in un taxi, una lettera piena di rivelazioni scandalose e destinata a Orson Welles, allora suo amante, pare abbia dato a Louise de Vilmorin il pretesto per scrivere questo racconto. Indaga, con innocente eleganza, nelle pieghe e nei risvolti dei rapporti amorosi di una donna divisa tra il marito e un amante.

Louise de Vilmorin, una delle più grandi seduttrici del Novecento, viveva negli ambienti e nelle atmosfere con cui - come dice Giuseppe Scaraffia con perfetta espressione - «l'aristocrazia senza saperlo si stava congedando dal presente». Il secolo della guerra, delle ideologie, dei grandi disegni e dell'impegno, le era perfettamente e serenamente estraneo, tanto quanto lei e la sua scrittura furono in parte estranee al secolo. Ma è questa estraneità, questo anacronismo che restituiscono il fascino della sua narrativa, oggi che quel secolo che non comprese comincia ad allontanarsi fluttuando. Non per caso è stata paragonata a Madame de La Fayette, che inventò il romanzo psicologico moderno. Louise concepisce i sentimenti, e la rete ingarbugliata che ne deriva di connessioni tra esseri umani, come l'unica realtà, tutto il resto essendo contorno e scenario di servizio. Come Madame de La Fayette, che lo credeva perché il suo secolo, il Seicento, li aveva appena inventati; mentre Louise, forse, perché il suo secolo, il Novecento, pretendeva abrogarli. Una lettera dimenticata in un taxi, una lettera piena di rivelazioni scandalose e destinata a Orson Welles, allora suo amante, pare abbia dato a Louise il pretesto per scrivere questo racconto. Indaga, con innocente eleganza, nelle pieghe e nei risvolti dei rapporti amorosi di una donna divisa tra il marito e un amante. Una scheggia di Seicento - può osservare ancora Scaraffia - sperduta nel Novecento.

Autore

Louise de Vilmorin (Verrières, 1902-1969) dopo il primo romanzo, Sainte-Unefois (1934), ha scritto poesie, racconti e romanzi, tra cui Le lit à colonnes, Julietta. Animatrice di salotti letterari e mondani, il «pot au feu» - così era detta la serata domenicale  nel «Salon bleu» del suo castello - riuniva scrittori artisti musicisti e cineasti. Numerosi i film tratti dai suoi romanzi. Da I gioielli di Madame de *** (pubblicato da questa casa editrice nel 1993) Max Ophüls trasse un film con Vittorio De Sica e Danielle Darrieux. Sellerio ha pubblicato anche La lettera in un taxi (2000).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy