Lettere dall'Europa. Un secolo di corrispondenza al femminile

Lettere dall'Europa. Un secolo di corrispondenza al femminile

A cura di Franca Zanelli Quarantini

Un'antologia di lettere di donne europee, dal Settecento all'Ottocento, che traccia una testimonianza della sorda e spesso nascosta protesta femminile nei confronti di una sottomissione al controllo maschile e di un'esclusione dalla produzione letteraria.

«Di sera, lo confesso, in realtà penso, ma non importuno mai nessuno con i miei pensieri». Poche donne, nella storia, verosimilmente hanno avuto il coraggio dell'ironia tagliente di Charlotte Brontë che agli inizi della sua carriera di scrittrice così rispondeva a un poeta che le scriveva di abbandonare la letteratura perché occupazione poco adatta e confacente a una donna. E il divieto secolare di essere autore, di assumere una dimensione pubblica e creativa avrà impedito di esprimersi a molti talenti e di nascere a innumerevoli opere. Già era difficile, per una donna, avere, come scrive Virginia Woolf, «una stanza tutta per sé», un luogo dove appartarsi a fantasticare, a scrivere, a leggere: un posto dove poter stare lontana dalla sguardo degli uomini. E probabilmente il divieto di scrivere e di dedicarsi alla produzione letteraria era appunto figlio di quel più micidiale divieto: il divieto a una privatezza indisturbata. Man mano che la ricerca storica procede, e accresce il suo interesse sull'argomento dell'esclusione, emergono le aree e i modi in cui si esercitava quella segregazione minuziosa e scientifica che ha escluso da sempre le donne dalla pubblica ribalta, insieme sottoponendole al controllo continuo del maschio: questo libro rivolge un cono di luce sul divieto di scrivere. E lo fa indirettamente, concentrandosi sull'unico genere letterario che le donne potessero coltivare senza difficoltà. Il genere epistolare. Due secoli di lettere di donne europee, dal Settecento («secolo delle donne») al più conformista e oppressivo Ottocento. In esse si riversavano talenti narrativi e si sfogava il desiderio di scrittura. Corrispondenze trovate grazie all'impegno di un gruppo di studiose e studiosi, che si dedica a raccogliere gli epistolari femminili eruropei per la cura generale di Franca Zanelli Quarantini. Per cui l'interesse di questa raccolta di più di centotrenta lettere - l'autrice di ognuna delle quali è presentata con una breve notizia biografica che permette di comprenderne il contesto, e divise in sezioni generali introdotte da note storico critiche - è molteplice. Sono testimonianza di una sorda e spesso nascosta protesta; documento delicato di una controversa coscienza, di una difficile identità. Sono letteratura vera nell'unico esercizio e nell'unica pratica accessibile. Sono soprattutto i rari momenti in cui si possono osservare le donne del passato (certo, quelle appartenenti ai ceti letterati) nel loro spazio autonomo, «lontane dalla sguardo degli uomini», come diceva Stendhal.

Autori

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy